Aviation

Riduzione dei costi anche per easyJet

Tempo di lettura 2 minuti

Una presa di posizione netta senza nascondere l’impatto negativo che il coronavirus Covid-19 avrà sui conti 2020

Non solo tagli di frequenze ma anche altri tagli sui costi, anche del personale, nessun licenziamento.

Una decisione simile a quella di Lufthansa e lo si legge dalla comunicazione agli investitori di questa mattina:

DICHIARAZIONE EASYJET – AGGIORNAMENTO COVID-19

A seguito della maggiore incidenza di casi COVID-19 nel Nord Italia, abbiamo assistito a un significativo ammorbidimento della domanda e dei fattori di carico dentro e fuori le nostre basi nel Nord Italia. Inoltre, stiamo assistendo anche a una domanda più lenta in tutti i nostri altri mercati europei.

Di conseguenza prenderemo decisioni per cancellare alcuni voli, in particolare quelli in entrata e in uscita dall’Italia, continuando a monitorare la situazione e ad adattare il nostro programma di volo per sostenere la domanda.

Sebbene sia troppo presto per determinare quale sarà l’impatto dell’impatto di COVID-19 sulle prospettive e le indicazioni per l’anno in corso sia per le compagnie aeree che per le vacanze, continuiamo a monitorare attentamente la situazione e aggiorneremo il mercato a tempo debito.

easyJet lavora a stretto contatto con le autorità e sta seguendo le linee guida fornite dall’Organizzazione mondiale della sanità e dall’AESA per garantire la salute e il benessere delle nostre persone e dei nostri clienti.

Abbiamo un gruppo di lavoro interfunzionale che si è riunito quotidianamente per garantire che tutti i nostri processi e politiche rimangano efficaci. Le nostre procedure per affrontare le malattie trasmissibili sono simili a quelle sviluppate durante l’epidemia di SARS e altre emergenze sanitarie globali.

Nel frattempo, per aiutare a mitigare l’impatto di COVID-19, ci concentreremo sulla fornitura di efficienza operativa e risparmi sui costi in una serie di aree dell’azienda, tra cui:

· Riduzioni di bilancio nelle aree amministrative e spese discrezionali
· Assunzioni, promozioni e blocchi dei salari in tutta la rete
· Rinvio del progetto non critico e spese in conto capitale
· Offrire congedi non retribuiti e interrompere la formazione non obbligatoria
· Collaborare con fornitori terzi per ridurre ulteriormente i costi
· Riallocazione degli aeromobili per l’estate 2020, che offrirà le maggiori opportunità di guadagno in termini di ripresa del mercato.

https://www.londonstockexchange.com/exchange/news/market-news/market-news-detail/EZJ/14441008.html

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi