Aigle Azur

Aigle azur, questione di slot

Aigle Azur ha un piccolo tesoretto nelle mani, che interessa sia ad Air France che a easyJet, sono gli slot di Orly.

L’aeroporto di Parigi Orly OLY, ha attualmente un limite di movimenti orari per la riduzione dell’inquinamento acustico.

Aigle Azur possiede quasi 10.000 slot su Orly e vista la saturazione dello scalo e l’attuale normativa in vigore in Francia che non consente la vendita degli slot, l’acquisto della compagnia è l’unico modo per entrare in possesso degli slot su Orly.

Aigle Azur ha base proprio ad Orly dove operava con 11 aeromobili e circa 1.150 dipendenti.

Il governo francese vigila

In una nota dichiara che:

“Lo stato è completamente mobilitato per supportare la ricerca delle migliori soluzioni possibili per preservare i posti di lavoro e fornisce supporto per identificare opportunità di recupero totale o parziale dell’attività economica da parte di un acquirente o di acquirenti”.

In Francia l’allocazione degli slots è affidata ad un ente giuridico autonomo, denominato COHOR (Association pour la coordination des horaires) che prevede un’ampia partecipazione dei vettori sul modello inglese.

Slot disponibili nel 2018 a OLY

Per fare un esempio concreto, a gennaio 2018 alcuni vettori hanno restituito gli slot che detenevano all’aeroporto di Parigi-Orly, tra cui Air Berlin, successivamente al fallimento, tali slot sono stati quindi messi a disposizione ad altri vettore che potevano farne richiesta, secondo una specifica normativa.

4690 gli slot disponibili a gennaio 2018 a di Parigi-Orly, che sono stati distribuiti nell’intero anno, in conformità con il Regolamento UE 95/93 del 18 gennaio 1993 modificato sulle norme comuni per l’assegnazione di bande orarie nella Comunità aeroporti (regolamento sulle bande orarie) .

Il regolamento sulle bande orarie, modificato nel luglio 2004, stabilisce che i vettori devono richiedere chiaramente lo status di nuovo concorrente e che metà del pool deve essere ripartita tra le richieste dei vettori con lo status di nuovo concorrente.

Nel 2018 i vettori che avevano fatto richiesta (e che secondo la COHOR ne avevano diritto) erano:

Aigle Azur (1 volo giornaliero per Granada), Air Caraïbes Atlantique (2 voli giornalieri per St-Denis), La Compagnie (2 voli giornalieri per Newark), City Flyer Express (2 voli giornalieri per Londra-City), EasyJet Svizzera (1 volo giornaliero per Hannover), French Blue (2 voli giornalieri per St-Denis), Ryanair (2 voli giornalieri per Dublino), Transavia Holland (2 voli weelky per Amsterdam), Vueling (4 voli settimanali per Cagliari, 1 volo giornaliero per Granada , 3 voli settimanali per La Coruña, 4 voli settimanali per Bucarest, 3 voli settimanali per le Asturie, 4 voli settimanali per Santiago de Compostela, 4 voli settimanali per Varsavia e 4 voli settimanali per Jerez).

Gli slot sono poi stati assegnati a:

  • French Blue:1460, equivalenti a 2 voli giornalieri;
  • La Compagnie: 1042, equivalenti a 10 voli settimanali;
  • British Airways: 1460, equivalenti a 2 voli giornalieri;
  • Aigle Azur: 520 posti, equivalenti a 5 voli settimanali;
  • Transavia France: 208 slot, equivalenti a 2 voli settimanali

Queste bande orarie sono state assegnate su base annuale e sulla base delle comunicazioni ricevute per il periodo di programmazione dell’estate 2018 (S18).

 

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi