Eurowings

Eurowings, stop alla tratta Londra Heathrow Berlino Tegel

Tempo di lettura 2 minuti

L’aeroporto di Heathrow non è certamente un aeroporto low-cost, non coglie di sorpresa la decisione di Eurowings di sospendere i voli LHR – TXR a partire dal prossimo 27 ottobre.

Due le frequenze giornaliere che attualmente sta operando Eurowings, che rientrano nella riorganizzazione del vettore low-cost del gruppo Lufthansa.

La tratta Londra LHR – Berlino TXL non è considerata profittevole per il vettore che in un ottica di riduzione dei costi e taglio delle rotte meno profittevoli, non opererà più la tratta in oggetto, ma si concentrerà in altri aeroporti del network londinese.

Le rotte in perdita hanno pesato sui conti di Eurowings che nella prima metà del 2019, ha perso 273 milioni di euro, mentre gli altri vettore del gruppo, Lufthansa, Swiss Airlines e Austrian Airlines ne hanno guadagnato € 565 milioni.

Eurowings, ha un suo modello di business, assolutamente non paragonabile perchè ben diverso a quello di Ryanair, ma che più si avvicina a quello di easyJet, con un impronta un po meno low-cost nel servizio di bordo.

E’ quindi risaputo che la concorrenza nel mercaro aereo, in particolare tra i LCC è talmente forte che nessun vettore può permettersi passi falsi o di mantenere rotte in perdita.

All’inizio dell’anno, Ulrik Svensson CFO di Lufthansa, ha sottolineato come sia in corso una forte battaglia sui prezzi, con politiche molto aggressive da parte dei concorrenti low-cost di Eurowings:

“Ci aspettiamo che avremo davvero una situazione molto competitiva in termini di prezzi con questi vettori per il resto dell’anno e forse anche per il 2020”.

Competere in termini di tariffe con Ryanair, prima compagnia europea per passeggeri è impossibile per Eurowings.

Anche se le cose potrebbero cambiare e in parte stanno già cambiando, in quanto Ryanair, non si può più permettere di offrire posti a prezzi così stracciati, come ha sempre fatto, ma dalla sua ha un forte vantaggio in termini di costi operativi e load-factor, due fattori molto importanti che le daranno modo di rimanere competitiva nelle tariffe rispetto ad altri vettori.

per esempio il load-factor, anche detto coefficente di riempimento, per Ryanair a gennaio era del 97%, mentre quello del gruppo LH del 76,4%.

Tale dato è fondamentale per rendere un modello low-cost redditizio, e lo è per qualsiasi vettore anche non LC, ad esempio una tratta i cui voli sono sempre pieni potranno essere venduti ad un prezzo medio più basso rispetto ad una tratta simile in termini di costi per il vettore, ma con un coefficente di carico molto più basso.

La rotta Heathrow-Berlino è ancora ampiamente coperta da British Airways che opererà fino a otto voli al giorno da Londra Heathrow a Berlino da novembre, e continierà ad operare i voli la London City LCY fino a 4 voli al giorno.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi