Ryanair

Ryanair conferma: B737Max non prima del 2020

Tempo di lettura 2 minuti

Ryanair ha convocato per questa mattina una Call per comunicare le attuali incertezze sui tempi di consegna ed entrata in servizio dei B737 Max.

Dalla nota stampa appena diffusa, si legge che il B737 Max non entrerà in servizio prima del 2020, molto incerti i tempi di, anche perchè la variante scelta da Ryanair, dovrà ottenere una ulteriore certificazione, quindi tempi ancora più lunghi.

Ridotte le stime di crescita e rivisto l’operativo estivo del prossimo anno.

Il CEO di Ryanair, Michael O’Leary, ha dichiarato:

“Ryanair rimane impegnata sul velivolo B737 MAX, e ora si aspetta che tornerà al servizio di volo entro la fine del 2019, tuttavia la data esatta di questo ritorno rimane incerta.

Boeing spera che un pacchetto di certificazione verrà presentato alle autorità di regolamentazione entro settembre con un ritorno al servizio poco dopo.

Crediamo che sarebbe prudente pianificare che quella data scivolasse di qualche mese, forse fino a dicembre.

Poiché Ryanair ha ordinato i Boeing MAX200, che sono una variante del velivolo MAX, questi devono essere certificati separatamente dalla FAA e dall’EASA.

Ryanair si aspetta che il MAX200 sia approvato per i servizi di volo entro 2 mesi dal rientro in servizio di MAX.

Di conseguenza, Ryanair ora spera di ricevere il suo primo aeromobile MAX200 tra gennaio e febbraio 2020. Poiché Ryanair può prendere in consegna solo da 6 a 8 nuovi velivoli ogni mese, stiamo pianificando i nostri programmi per l’estate 2020 in base a un massimo di 30 B737 MAX consegnati  fino alla fine di maggio 2020.

Questo è inferiore al numero di velivoli MAX originariamente previsto per il nostro programma per l’estate 2020 (59) .

Questo numero potrebbe aumentare o diminuire ulteriormente, a seconda di quando il B737 MAX ritorna effettivamente ai servizi di volo.

A fini di pianificazione, Ryanair ora rivedrà il suo programma dell’estate 2020 basato su 30 aerei incrementali, anziché 58. Ciò ridurrà il tasso di crescita di Ryanair nell’estate del 2020 dal 7% al 3% e significa che la crescita del traffico annuale per l’anno fino al marzo 2021 essere tagliato da 162m ospiti a ca. 157m.

Questo deficit nelle consegne di aeromobili richiederà alcuni tagli e chiusure di base per l’estate 2020, ma anche per il programma invernale 2019. Stiamo iniziando una serie di discussioni con i nostri aeroporti per determinare quali delle basi meno performanti o deficitarie di Ryanair dovrebbero subire questi tagli e / o chiusure a breve termine a partire da novembre 2019.

Ci consulteremo anche con le nostre persone e i nostri sindacati nella pianificazione e implementazione di questi tagli di base e chiusure, che sono direttamente causati dai ritardi di consegna B737 MAX al programma B737 MAX.

Ryanair continuerà a collaborare con Boeing ed EASA per recuperare questi ritardi nelle consegne durante l’inverno del 2020, in modo da poter riportare la nostra crescita a livelli normali nell’estate del 2021 “.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi