Safety

Tornano a preoccupare i vettori egiziani, dubbi sulla sicurezza

  • 2 mesi fa
  • 2minuti

Era il 3 gennaio 2004, quando un Boeing B737 della compagnia egiziana Flash Airlines si inabissò nel Mar Rosso con 148 vittime, lo scorso anno l’ex proprietario della compagnia egiziana è finito sul registro degli indagati a Parigi.

Da quel disastro, per alcuni anni, chiunque in Europa prima di partire per l’Egitto si preoccupava che il vettore non fosse egiziano, ma soprattutto un vettore charter egiziano, vettori che operavano soprattutto i voli per il Mar Rosso, ora la situazione è ben diversa, molti i vettori europei che volano verso quella destinazione, ma tornano a preoccupare i vettori egiziani, secondo l’EASA ci sono ancora dubbi sulla sicurezza dei vettori egiziani ed uno è già stato sospeso, per la seconda volta in due anni.

Tutti i vettori egiziani sono ora sotto osservazione continua e potrebbero essere inseriti nella “black list” che impedirebbe alla compagnia aerea di volare nello spazio aereo europeo, qualora siano riscontrati dei problemi di sicurezza.

L’EASA ha espresso preoccupazioni in particolare sulle ispezioni di rampa effettuate sulle compagnie aeree egiziane, durante le quali vengono verificate: la documentazione dell’aeromobile, le sue condizioni e quella degli equipaggi per cercare eventuali carenze e verificare il rispetto dei requisiti di sicurezza della normativa europea.

Circa 13 vettori egiziane sono autorizzati a volare UE, le ispezioni sono parte del processo di monitoraggio per ottenerla e mantenerla.

Una dichiarazione della Commissione Europea evidenzia un “numero crescente” di preoccupazioni che emergono dalle ispezioni di rampa, al momento non sono noti i nomi delle compagnie sotto osservazione, ma solo quella già inserita nella black list, la Commissione sta analizzando la documentazione richiesta all’autorità egiziana di sorveglianza per la sicurezza al volo ECAA e ha in programma un incontro con la stessa nel primo trimestre 2024.

La compagnia aerea egiziana a cui è ora impedito di volare nello spazio aereo europeo è AlMastria Universal Airlines, è la sua seconda sospensione in 2 anni.