BER Brandeburgo Willy Brandt

Berlino conferma Aletta von Massenbach AD e T5 chiuso

Tempo di lettura 2 minuti

Aletta von Massenbach e’ stata confermata amministratore delegato della società di gestione dell’aeroporto di Berlino Brandeburgo BER.

Aletta von Massenbach è entrata a far parte di FBB nel settembre 2020 come direttore commerciale ed è CEO dall’ottobre 2021.

Jörg Simon, Presidente del Consiglio di Sorveglianza di Flughafen Berlin Brandenburg GmbH:Con l’estensione del contratto per il CEO, il Consiglio di Sorveglianza fa affidamento sulla continuità del personale ai vertici della compagnia aeroportuale. In qualità di direttore commerciale e amministratore delegato, la signora von Massenbach ha avuto un impatto significativo sui primi due anni di BER. Con l’estensione del contratto, può continuare lo sviluppo strategico dell’azienda. Ciò include la graduale trasformazione del BER in un aeroporto commerciale sostenibile e rispettoso del clima e l’ulteriore aumento della connettività”.

Aletta von Massenbach, CEO di Flughafen Berlin Brandenburg GmbH:Vorrei ringraziarvi per la fiducia che avete riposto in noi e non vedo l’ora di poter sviluppare ulteriormente BER insieme ai dipendenti di FBB. La guerra in Ucraina e la crisi economica in corso continueranno a porre grandi sfide per il traffico aereo e quindi anche per il BER in termini di traffico e sviluppo economico. C’è ancora molto da fare per garantire operazioni di volo finanziariamente stabili, ben collegate e sostenibili”.

Nell’ultima riunione del 2022, il consiglio di sorveglianza della società aeroportuale si è occupato anche dell’attuale situazione del traffico al BER, che continua a risentire dei postumi della pandemia e del quadro geopolitico. Si è discusso anche del futuro del Terminal 5 e della pianificazione economica per il prossimo anno.

La direzione ha potuto segnalare al consiglio di sorveglianza che il volume di traffico durante le vacanze autunnali con un totale di 1,1 milioni di passeggeri al BER poteva essere gestito in gran parte senza problemi.

Le ragioni principali sono state l’aumento dell’utilizzo dei chioschi self-service e il grande successo del sistema di prenotazione degli slot per il controllo di sicurezza “BER Runway”, che è già stato utilizzato più di 250.000 volte.

In questa riunione, il Consiglio di vigilanza si è occupato anche del Terminal 5, chiuso a causa del coronavirus nel febbraio 2021. In considerazione del fatto che la concentrazione del traffico aereo nel centrocampo è la migliore costellazione operativa per passeggeri e partner dell’aeroporto ed è favorita da parte di tutti, ha deciso l’Organismo di Vigilanza, di non rimettere in servizio il Terminal 5. FBB sta già implementando il concetto di tetto singolo incluso nell’approvazione del piano. 

Il Consiglio di Sorveglianza ha proposto all’assemblea di approvare il piano industriale 2023, che è stato presentato e illustrato dettagliatamente dal management. Il piano aziendale di FBB per il prossimo anno è anche modellato dalle conseguenze della pandemia e dagli effetti della guerra in Ucraina. Come negli anni precedenti, nella predisposizione del business plan si è quindi tenuto conto degli scenari e delle larghezze di banda dei possibili sviluppi. Per il 2023, FBB ipotizza una crescita dei passeggeri a circa 26 milioni di passeggeri all’anno e un risultato operativo (EBITDA) di 142 milioni di euro. 

A supporto della commercializzazione delle aree lungo la viabilità di accesso al BER, che inizierà il prossimo anno, l’Organo di Sorveglianza ha deliberato la realizzazione di un percorso di collegamento pedonale e ciclabile ai Terminal 1 e 2. Il nuovo tracciato riduce a pochi minuti a piedi i tempi di percorrenza tra le aree attualmente adibite a parcheggi ei terminal. Ciò aumenterà ulteriormente l’attrattiva di queste aree, che saranno commercializzate passo dopo passo a partire dal 2023.