BER Brandeburgo Willy Brandt

Al BER di Berlino una tassa per il “rumore”

Tempo di lettura 2 minuti

A Berlino e in tutti gli aeroporti tedeschi, non solo monitorano i livelli di rumore delle aree che circondano l’aeroporto ed incentivano l’isolamento acustico delle abitazioni, applicano anche una tassa sul rumore.

E’ stato approvato il nuovo piano tariffario per il BER, Il Ministero delle Infrastrutture e della Pianificazione Regionale ha approvato la modifica dei diritti aeroportuali per l’Aeroporto di Berlino-Brandeburgo richiesta da Flughafen Berlin Brandenburg GmbH (FBB).

La decisione è stata consegnata oggi alla FBB. Il tariffario aggiornato si applica dal 1 settembre 2022.

La modifica del tariffario incide sulla normativa sulle tasse di decollo e atterraggio legate al rumore. La tassa relativa al rumore è riscossa sugli aeromobili con un peso massimo al decollo di 2.000 kg. Finora, gli aeromobili sono stati suddivisi in diverse classi di rumore in base al loro tipo.

La tariffa per il rumore è stata calcolata come tariffa forfettaria. In futuro, questa procedura sarà sostituita da un calcolo caso per caso. Questo si basa sul livello di rumore effettivamente misurato per ogni singolo decollo e ogni singolo atterraggio.

In effetti un Airbus A320ceo ha emissioni acustiche più elevato rispetto alla versione neo, così come il Boeing B737NG rispetto al MAX.

Guido Beermann, Ministro delle Infrastrutture e della Pianificazione dello Stato:Questo regolamento ha lo scopo di creare un incentivo più forte per l’uso di aeromobili più silenziosi e per un uso più silenzioso degli aeromobili. Si tratta di un ulteriore passo nella direzione di un’efficace protezione dal rumore per i cittadini che risiedono nei pressi dell’aeroporto. Perché: le compagnie aeree le cui macchine volano in modo più silenzioso devono pagare meno di quelle che operano il loro traffico aereo con aeromobili particolarmente rumorosi, e non in un’unica soluzione, ma in base a ogni singolo volo”.

Aletta von Massenbach, CEO di Flughafen Berlin Brandenburg GmbH:Siamo lieti che il sistema che abbiamo sviluppato per il calcolo differenziato delle tariffe acustiche sia stato ora approvato. La nuova metodologia crea un incentivo finanziario per le compagnie aeree a volare il più silenziosamente possibile. Questo non si riferisce solo all’uso delle macchine, ma anche all’uso di procedure di volo appropriate per ridurre il rumore. Il risultato va a vantaggio in particolare dei nostri vicini: il nuovo regolamento aiuta a ridurre il rumore per tutti i residenti”.

Tassa sul rumore negli aeroporti della Germania.

Le compagnie aeree devono pagare le tasse al rispettivo aeroporto per ogni decollo e ogni atterraggio.

L’entità della tassa dipende da molti fattori: il peso dell’aeromobile utilizzato, il numero di passeggeri, l’ora del giorno e le emissioni sonore dell’aeromobile.

Per gli aeroporti tedeschi, il legislatore prevede che una componente di rumore debba essere inclusa nel calcolo dei diritti aeroportuali. Le tariffe aeroportuali per l’utilizzo delle strutture e dei servizi relativi all’illuminazione, al decollo, all’atterraggio e al parcheggio degli aeromobili e alla movimentazione di passeggeri e merci devono essere approvati dalle autorità competenti per il rilascio delle licenze degli stati federali.