sustainable aviation

Phillips 66 trasforma raffineria San Francisco, produzione combustibili rinnovabili

Tempo di lettura 2 minuti

Phillips 66 ha preso la decisione finale di portare avanti il progetto Rodeo Renewed, per convertire la sua raffineria di San Francisco a Rodeo, in California, in uno dei più grandi impianti di combustibili rinnovabili del mondo. 

Il progetto, che ha recentemente ricevuto l’approvazione dalla contea di Contra Costa, dovrebbe costare circa 850 milioni di dollari e iniziare le operazioni commerciali nel primo trimestre del 2024, contribuirà a fornire il settore dell’aviazione di carburante per aviazione sostenibile SAF.

Rodeo Renewed giocherà un ruolo importante nell’aiutarci a ridurre la nostra impronta di carbonio mentre continuiamo a fornire energia affidabile e conveniente“, ha affermato Greg Garland, Presidente e CEO di Phillips 66. Questo è un progetto che aiuterà a soddisfare la crescente domanda di combustibili a basse emissioni di carbonio, preservare i posti di lavoro e sostenere la California nel raggiungimento dei suoi obiettivi climatici. È un ottimo esempio di come Phillips 66 stia facendo investimenti significativi in ​​un futuro energetico sostenibile che può creare valore a lungo termine per i nostri azionisti”.

Combustibili rinnovabili per il trasporto, comprese le rinnovabili diesel, benzina rinnovabile e carburante per aviazione sostenibile. 

Al completamento di Rodeo Renewed, l’impianto convertito non elaborerà più petrolio greggio e utilizzerà invece oli usati, grassi, grassi e oli vegetali per produrre inizialmente 800 milioni di galloni all’anno (oltre 50.000 barili al giorno) di combustibili rinnovabili per il trasporto, comprese le rinnovabili diesel, benzina rinnovabile e carburante per aviazione sostenibile. 

Si prevede che la produzione di questi combustibili ridurrà le emissioni di carbonio del ciclo di vita di circa il 65%, l’equivalente di togliere 1,4 milioni di auto dalle strade della California ogni anno. Si prevede inoltre che Rodeo Renewed riduca le emissioni inquinanti del sito del 55% e il consumo di acqua di 160 milioni di galloni all’anno.

Lo scopo del progetto comprende la costruzione di unità di pretrattamento e il reimpiego di unità di hydrocracking esistenti per consentire la produzione di combustibili rinnovabili. La struttura convertita sfrutterà la sua infrastruttura logistica flessibile per proteggere le materie prime rinnovabili da fonti locali, nazionali e internazionali e fornire combustibili rinnovabili alla California e ad altri mercati.

La conversione della struttura creerà 500 posti di lavoro nell’edilizia e conserverà più di 650 posti di lavoro, inclusi dipendenti e appaltatori a tempo pieno. È pronto ad aiutare la California a soddisfare la domanda di carburanti per il trasporto, aiutando allo stesso tempo lo stato a raggiungere i suoi obiettivi ambientali.