Covid-19 Stati Uniti USA

US Travel accoglie il ritorno dei viaggiatori stranieri

Tempo di lettura 2 minuti

Ieri un gran numero di aerei da tutta Europa sono decollati per la prima volta dopo 19 mesi, grazie all’allentamento delle restrizioni, possono volare in USA tutti i vaccinati con un tampone negativo effettuato entro 3 giorni dalla partenza.

US Travel Association, festeggia la riapertura, ma avverte che saranno necessarie nuove risorse per gestire tutto l’arretrato nell’elaborazione dei visti di ingresso.

Nel 2019, i viaggi internazionali in entrata hanno prodotto 239 miliardi di dollari di entrate da esportazione per l’economia statunitense e hanno sostenuto direttamente 1,2 milioni di posti di lavoro americani.

Dopo quasi due anni di restrizioni, lunedì (9 novembre 2021) inizia sul serio il ritorno dei viaggi internazionali, quando famiglie e amici da tempo separati possono riunirsi in sicurezza, i viaggiatori possono esplorare questo fantastico paese e gli Stati Uniti sono in grado di riconnettersi con la comunità globale“, ha affermato. Presidente e CEO della US Travel Association Roger Dow. “È una giornata monumentale per i viaggiatori, per le comunità e le imprese che si affidano alle visite internazionali e per l’economia statunitense in generale”.

US Travel e i nostri membri hanno lavorato instancabilmente per sollecitare l’amministrazione a un piano di riapertura sicuro per i viaggi internazionali e siamo ansiosi di accogliere nuovamente questi viaggiatori qualificati mentre entriamo nella prossima fase della ripresa del nostro settore“, ha aggiunto Dow.

I paesi interessati da restrizioni di viaggio, che includevano Regno Unito, Irlanda, i 26 paesi dell’area Schengen, Sudafrica, Iran, Brasile, India e Cina, comprendevano solo il 17% di tutti i paesi del mondo, ma rappresentavano uno sproporzionato 53% di tutti i paesi esteri. visitatori negli Stati Uniti nel 2019.

International-Travel-FactSheet

US Travel stima che il calo delle visite internazionali dall’inizio della pandemia (marzo 2020-ottobre 2021) ha comportato quasi 300 miliardi di dollari di perdita di entrate dalle esportazioni e una perdita di oltre un milione di posti di lavoro americani. L’associazione stima inoltre che il segmento viaggi internazionali in entrata non sarà recuperare al 2019 i livelli almeno fino al 2024.

Arretrato di visti

Sebbene riaprire i nostri confini sia un passo fondamentale nella giusta direzione, resta ancora molto lavoro da fare per garantire una ripresa uniforme dei viaggi internazionali”, ha affermato Tori Emerson Barnes, vicepresidente esecutivo degli affari pubblici e della politica della US Travel Association“In particolare, i funzionari devono riaprire completamente e riprendere l’elaborazione dei visti dei visitatori presso le ambasciate e i consolati statunitensi per ridurre l’arretrato per i futuri visitatori e accelerare il recupero dei viaggi in entrata”.

In media, i paesi che non fanno parte del Visa Waiver Program attualmente affrontano tempi di attesa inaccettabilmente lunghi superiori a 14 mesi per un appuntamento per il visto turistico”, ha aggiunto Barnes. “Inoltre, i funzionari devono anche garantire che gli agenti CBP e TSA in prima linea dispongano delle risorse necessarie per elaborare in sicurezza un numero crescente di arrivi”.

Dei primi 20 paesi per i viaggi in entrata negli Stati Uniti, solo cinque paesi hanno tutte le ambasciate o i consolati statunitensi completamente aperti per l’elaborazione dei visti, secondo l’analisi della US Travel Association.

Translate