Wizz Air

Wizz Air leader nelle ancillary nel 2020

Tempo di lettura 2 minuti

Wizz Air nel 2020 ha superato anche le compagnie aeree americane, solitamente le prime per i guadagni dalla vendita per i servizi accessori.

Se da un lato le tariffe base sono sono rimaste basse rispetto al periodo pre-pandemico, le compagnie aeree hanno avuto ottimi guadagni dalla vendita dei servizi aggiuntivi, come il bagaglio e la priority.

Il 2020 è quindi il primo anno con Wizz Air al primo posto, che supera Spirit, Viva Aerobus e Allegiant.

Le tariffe per i servizi aggiuntivi come il bagaglio registrato e i posti assegnati erano più alte per le compagnie aeree poiché la pandemia ha costretto a ridurre le tariffe lo scorso anno, rivelano nuovi dati.

I risultati sono pubblicati oggi (martedì) nel CarTrawler Yearbook of Ancillary Revenue dalla società di dati IdeaWorksCompany.

Quattro compagnie aeree sono riuscite a superare la soglia del 50% per le entrate accessorie, al primo posto Wizz Air, in aumento di oltre dieci punti percentuali rispetto al 2019 al 55,9%, pensate che Ryanair si è fermata al 36,7%, con un aumento di 2,2 punti su base annua.

Top 10 Airlines – Ancillary Revenue as a % of Total Revenue
1 Wizz Air 55.9% 45.4% ↑10.6 points
2 Spirit 55.8% 47.0% ↑ 8.7 points
3 Viva Aerobus 52.6% 45.0% ↑ 7.7 points
4 Allegiant 51.8% 46.5% ↑ 5.4 points
5 Frontier 49.2% 43.6% ↑ 5.6 points
6 Volaris 42.9% 38.5% ↑ 4.4 points
7 Ryanair Group 36.7% 34.5% ↑ 2.2 points
8 Pegasus 33.8% 26.4% ↑ 7.4 points
9 Vietjet Air 33.4% 25.2% ↑ 8.2 points
10 Southwest 27.9% 20.1% ↑7.8 points
Rank Airlines 2020 Result 2019 Result Change from 2019 – 2020 and 2019 carrier results were based upon 12-month financial period disclosures for each year

Non solo Wizz Air è al primo posto, ma ha segnato anche un record, il precedente era di Viva Aerobus che nel 2018 aveva segnato il 47,6%.

Aileen McCormack, chief commercial officer di CarTrawler, ha dichiarato: “Le entrate accessorie sono state una fonte cruciale di sostegno per le compagnie aeree nel 2020. La durabilità delle entrate accessorie è stata rivelata dalla stabilità delle commissioni à la carte. Mentre le tariffe sono state certamente ridotte, le compagnie aeree non si sono rivolte a scontare le tariffe à la carte durante la pandemia. Anche quattro compagnie aeree hanno superato la soglia del 50%, che ha posto le entrate accessorie come fonte di entrate predominante. Questo è stato un obiettivo sfuggente per i vettori low cost con le migliori prestazioni da quando è iniziata la rivoluzione delle entrate accessorie”.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017