Airlines UK

NET ZERO: il Regno Unito rafforza il suo impegno

Oggi le principali compagnie aeree, aeroporti, produttori aerospaziali e fornitori di servizi di navigazione aerea del Regno Unito hanno riaffermato il loro impegno congiunto per un futuro a zero netto per l’aviazione britannica

Hanno stabilito una prima serie di obiettivi intermedi di decarbonizzazione che fungeranno da pietre miliari nel percorso verso la rete. aviazione zero entro il 2050.

L’industria punta a una riduzione complessiva di almeno il 15% delle emissioni nette rispetto al 2019 entro il 2030 e a una riduzione netta del 40% entro il 2040, con il ritmo della decarbonizzazione che aumenta con i combustibili per aviazione sostenibili (SAF), la rimozione permanente del carbonio, e nuove tecnologie a basse e zero emissioni di carbonio, come i velivoli elettrici e alimentati a idrogeno, diventeranno mainstream nel decennio 2030.

Queste pietre miliari si riflettono su un nuovo grafico che tiene conto degli effetti di Covid-19 sulla domanda di aviazione e completano una serie sempre crescente di impegni volontari dell’industria per ridurre rapidamente le emissioni. È importante sottolineare che l’annuncio di oggi avvia anche un lavoro dettagliato per aggiornare entro la metà del prossimo anno la Decarbonisation Road Map del settore, pubblicata per la prima volta nel 2020, che dovrebbe dimostrare un potenziale ancora più rapido per decarbonizzare l’aviazione attraverso l’innovazione tecnologica.

La decarbonizzazione dell’aviazione è una sfida enorme, con significative barriere tecnologiche e politiche che devono essere superate in questo decennio. Con il giusto supporto, può e sarà raggiunto, mantenendo i principali vantaggi economici e sociali dei collegamenti aerei del Regno Unito con il mondo e generando nuove opportunità per gli ingegneri di domani attraverso lavori di aviazione verde altamente qualificati.

Tuttavia, il Regno Unito rischia di rimanere indietro mentre altri paesi, compresi l’Europa e gli Stati Uniti, mettono in atto politiche rafforzate per sostenere l’innovazione e le nuove tecnologie dei combustibili.

Per non cedere il passo, è necessario un ulteriore supporto in cinque aree fondamentali per realizzare voli a zero emissioni:

  1. Politiche chiave quest’anno per fornire un’industria SAF nel Regno Unito e commercializzare SAF, più urgentemente fornendo un segnale della domanda e un sostegno ai prezzi: il primer per un massimo di 14 impianti del Regno Unito che generano carburante sostenibile dai rifiuti domestici e industriali entro la metà degli anni ’30, supportando almeno un riduzione del 32% delle emissioni dell’aviazione britannica entro il 2050;
  2. Un segnale positivo a lungo termine per gli investimenti nella tecnologia aerospaziale e lo sviluppo di velivoli ibridi, elettrici e alimentati a idrogeno attraverso maggiori ed estesi finanziamenti per l’Aerospace Technology Institute;
  3. Il completamento della modernizzazione vitale dello spazio aereo che genera significativi risparmi di carbonio attraverso voli più efficienti e tempi di viaggio più brevi;
  4. Politiche che incentivino la commercializzazione di tecnologie di rimozione del carbonio;
  5. Il governo del Regno Unito cerchi un impegno internazionale più solido per la riduzione del carbonio dell’aviazione all’Assemblea dell’ICAO nel 2022, garantendo che le emissioni siano ridotte in tutto il mondo e non esportate dal Regno Unito.

Il segretario di Stato per i trasporti Grant Shapps MP ha dichiarato in risposta:“In qualità di prima grande economia al mondo a impegnarsi per il net-zero entro il 2050, stiamo guidando l’iniziativa per ridurre le emissioni dell’aviazione attraverso il Jet Zero Council. L’impegno mostrato qui dall’industria oggi si basa su quel lavoro, incarnando l’atteggiamento lungimirante di cui abbiamo bisogno per decarbonizzare il settore e mettere il Regno Unito in prima linea nell’aviazione verde”.

Commentando il lancio di questi obiettivi, il segretario di Stato per gli affari, l’energia e la strategia industriale Kwasi Kwarteng MP ha dichiarato:“Questi obiettivi sono una pietra miliare importante per l’industria aeronautica britannica e mostrano che aeroporti, produttori aerospaziali e compagnie aeree condividono la nostra ambizione di adottare le tecnologie nuove ed emergenti necessarie per combattere il cambiamento climatico. Lavorando con l’industria attraverso il nostro Jet Zero Council, stiamo mettendo la decarbonizzazione del settore dell’aviazione al centro dei nostri piani per ricostruire più verde dalla pandemia e questa roadmap del settore integra perfettamente la nostra visione”.

Il presidente di sustainable aviation, Adam Morton ha dichiarato: “L’aviazione del Regno Unito ha guidato il mondo lo scorso anno essendo il primo ente aeronautico nazionale al mondo a impegnarsi per l’azzeramento netto entro il 2050. Ora stiamo alzando l’asticella impegnandoci a raggiungere ulteriori traguardi intermedi per ritenerci responsabili in questo viaggio verso Jet Zero. Questo è ambizioso ma realizzabile e richiede una cooperazione significativa tra industria e governo, nonché le politiche e i finanziamenti necessari per garantire che il Regno Unito possa costruire un’industria SAF leader a livello mondiale, creare nuovi velivoli puliti e modernizzare lo spazio aereo britannico”.

Gli obiettivi intermedi dell'aviazione britannica per raggiungere le emissioni nette zero entro il 2020

Visualizza/scarica il PDF

A pagina 2 i commenti di una serie di amministratori delegati di vettori, aeroporti e produttori.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017