Covid-19 Irlanda IE

Irlanda, dall’Italia quarantena obbligatoria in hotel

Tempo di lettura 3 minuti

Da qualche giorno in Irlanda, anche i passeggeri provenienti dall’Italia rientrano nel regime di quarantena in hotel.

Gli italiani si sentono “discriminati” dalla lista di quarantena degli hotel ha detto l’ambasciatore italiano a Dublino Paolo Serpi, che aveva già affermato che la decisione di inserire l’Italia nella lista obbligatoria degli hotel di quarantena era “discriminatoria” ed “eccessiva”.

In un videomessaggio, l’ambasciatore in Irlanda Serpi ha detto che la decisione arrecherebbe gravi danni alla comunità italiana che vive in Irlanda ed ha inviato una lettera al ministro della Salute irlandese Stephen Donnelly chiedendo la revoca del provvedimento.

Nel video messaggio Paolo Serpi ha dichiarato: “Come sapete da oggi, l’Italia sarà soggetta a questa misura di quarantena alberghiera obbligatoria, una misura che colpisce noi e altri quattro paesi dell’UE: Francia, Belgio, Austria e Lussemburgo. Con questi Paesi in questi giorni abbiamo avuto un approccio deciso e serio ai massimi livelli al Dipartimento degli Affari Esteri. È stato un approccio comune perché riteniamo che queste misure siano eccessive e arrechino gravi e gravi danni ai nostri connazionali e in particolare alle nostre comunità qui in Irlanda e non possiamo accettarlo.

Come sappiamo nell’Unione Europea la libera circolazione di persone, merci e capitali deve essere assicurata e mantenuta. La circolazione delle persone è sacra. Quando si chiudono le frontiere o si pongono dei limiti ci devono essere ragioni serie e buone. Ho affidato al ministro Donnelly i nostri punti focali nazionali per chiarire nel miglior modo possibile nel più breve tempo possibile le nostre speranze che questo provvedimento venga revocato il prima possibile”.

Nel frattempo, anche i cittadini italiani residenti in Irlanda hanno scritto al governo affermando di sentirsi discriminati a seguito della recente decisione.

La lettera, indirizzata al Taoiseach, al Ministro della Salute, al Tánaiste e al Ministro dei trasporti, afferma che la decisione manca di chiarezza, si precisa che il motivo non può essere una necessità generica di mantenere le varianti fuori dall’Irlanda e chiede al governo di rendere pubblici i criteri presi in considerazione per l’elenco obbligatorio di quarantena degli hotel.

Ryanair

La politica adottata dal governo irlandese è stata aspramente criticata da Ryanair, che ironicamente preso in giro lo stesso governo, con l’apertura di una posizione lavorativa, per assumere in Ryanair una figura in grado di affiancare il governo irlandese.

Europa

Preoccupazione e richieste di chiarimenti anche dalla Commissione Europea, in una dichiarazione a RTÉ News, la Commissione europea ha dichiarato: “Siamo consapevoli che l’Irlanda richiede ai viaggiatori provenienti da un paese” designato “, indipendentemente dalla loro nazionalità, di sottoporsi a una quarantena alberghiera obbligatoria. La Commissione sta esaminando queste misure in quanto vi sono alcune preoccupazioni in relazione ai principi generali del diritto dell’UE, in particolare la proporzionalità e la non discriminazione. Sebbene i requisiti di quarantena e test siano di competenza nazionale, tuttavia, quando incidono sui diritti dei cittadini alla libera circolazione, tali misure devono rispettare i principi generali del diritto dell’UE”, ma la stessa Commissione solo l’8 aprile, affemò che i piani di quarantena del governo sembrano essere in linea con le raccomandazioni approvate dai ministri della salute dell’UE il 1 ° febbraio, che hanno introdotto alcune restrizioni alla libertà di movimento e che la quarantena obbligatoria in hotel non contravviene alle nuove raccomandazioni.

La commissione ha affermato che le nuove restrizioni riguardano il problema emergente delle nuove varianti di Covid-19 e la nuova categoria rosso scuro introdotta dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) che indica i paesi in cui il virus circolava a livelli molto elevati.

Ai viaggiatori provenienti da aree rosso scuro dovrebbe essere richiesto di eseguire un test Covid-19 prima della partenza e sottoporsi a quarantena, qualsiasi sia la nazionalità.

Il governo irlandese insiste di aver informato la Commissione e gli Stati membri dell’UE in anticipo dell’aggiunta di paesi all’elenco di categoria 2 e ha detto che che la questione non è stata sollevata nelle telefonate tra Taoiseach Micheál Martin e il presidente della Commissione Ursula von der Leyen.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017