Aeroporto MI Malpensa MXP

Tutti pazzi per Malpensa (di nuovo!)

Tempo di lettura 2 minuti

Milano Malpensa – Palermo provoca (di nuovo) strane reazioni tra le compagnie aeree che operano questa tratta, da quando Wizz Air ha aperto la sua base di MXP lo scorso anno.

I tre vettori continuano una sfida a colpi di frequenze e questa volta Ryanair tira fuori anche l’arma delle tariffe.

Se te ne aggiungi 1, io ne aggiungo 2“, io capisco che stiamo parlando di un bacino potenziale di passeggeri di un area come quella lombarda di poco più di 10 milioni di persone, la sola provincia di Milano 3,26 milioni, la provincia di Varese, territorio sul quale si insedia MXP 890 mila, la provincia di Como 599 mila, ma …

Ma 12-13 frequenze, con più di 2.280 posti circa disponibili ogni giorno, non sono un pò troppi ? Mi chiedo, come mai non le avete aggiunte prima ?

Ovviamente le mie domande hanno solo lo scopo di “ironizzare” su un atteggiamento che a me sembra poco calcolato, anche perchè ad esempio easyJet se prima di febbraio aveva dalla sua, il vantaggio delle tariffe sempre più basse con il bagaglio incluso, ora non è più così.

Wizz Air con le sue 3 frequenze (come avevo previsto ha aperto la vendita anche della terza) ha tariffe che variano da 29 a 49 euro, Ryanair con 4 frequenze, moltissime ad oggi a 12,90 fino ad arrivare a 30 euro, easyJet fino a 6 frequenze con prezzi che variano da poco più di 30 euro fino a superare i 4, ( per i prezzi questo vale per il mese di giugno)

Se guardiamo ai mesi di luglio e agosto, qui c’è Ryanair che stravince con prezzi ancora molto bassi sotto i 20 euro, mentre le altre due viaggiano sopra i 40 fino ad arrivare alle classiche tariffe delle settimane estive più richieste, che lascio a voi immaginare.

Quindi un copione già visto, e mi chiedo, si vince a colpi di tariffe o un giusto equilibrio di frequenze e tariffe concorrenziali?

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi