Aviation

Emirates e Etihad adottano il Travel Pass di IATA

Tempo di lettura 2 minuti

Etihad ed Emirates sono le prime due compagnie aeree che adotteranno il Travel Pass di IATA.

Per compagnie aeree come Emirates ed Etihad e’ fondamentale, la riapertura dei viaggi internazionali.

Entrambe le compagnie aeree lanceranno il Travel Pass nelle prossime settimane. Per i clienti Etihad, il Pass sarà inizialmente offerto ai passeggeri di voli selezionati da Abu Dhabi nel primo trimestre dell’anno.

Etihad

Per Etihad questa ultima partnership con IATA, insieme a programmi simili che la compagnia aerea ha in sviluppo, dimostrano che la tecnologia sta avanzando rapidamente per standardizzare il modo in cui il benessere dei passeggeri può essere assicurato durante la pandemia COVID-19.

“La partnership con Etihad Airways per il lancio dello IATA Travel Pass è una pietra miliare importante sulla strada per il riavvio significativo dei viaggi internazionali. Il nostro obiettivo è dare a tutti i governi la fiducia necessaria per riaprire i confini ai viaggiatori sulla base di vaccini verificati e dati di test. La fase iniziale del lancio di Etihad si concentrerà su tutti e quattro gli elementi dei moduli IATA Travel Pass, una delle prime compagnie aeree al mondo a farlo “, ha affermato Nick Careen, Senior Vice President, Airport, Passenger, Cargo and Security della IATA.

Etihad sta attivamente promuovendo la collaborazione e una risposta normativa unitaria per ripristinare la fiducia nel volo.

Mohammad Al Bulooki, Chief Operating Officer di Etihad Aviation Group, ha commentato: “I test e le vaccinazioni COVID-19 saranno fondamentali per far ripartire il mondo. […]

Emirates

Prima di un lancio completo, Emirates implementerà la fase 1 a Dubai per la convalida dei test PCR COVID-19 prima della partenza.

In questa fase iniziale, che dovrebbe iniziare ad aprile, i clienti Emirates in viaggio da Dubai potranno condividere il loro stato di test COVID-19 direttamente con la compagnia aerea ancor prima di raggiungere l’aeroporto tramite l’app, che poi auto-compilerà i dettagli sul sistema di check-in.

Il COO di Emirates Adel Al Redha ha dichiarato: “Anche se i viaggi internazionali rimangono più sicuri che mai, ci sono nuovi protocolli e requisiti di viaggio con l’attuale pandemia globale. Abbiamo lavorato con IATA su questa soluzione innovativa per semplificare e trasmettere digitalmente le informazioni richieste da paesi e governi nei nostri sistemi aerei, in modo sicuro ed efficiente. Siamo orgogliosi di essere una delle prime compagnie aeree al mondo a pilotare questa iniziativa, che fornirà una migliore esperienza del cliente e faciliterà convenientemente le esigenze di viaggio dei nostri clienti “.

IATA Travel Pass

IATA Travel Pass si compone di quattro moduli indipendenti che possono interagire tra loro.

Questi moduli coprono i registri per i requisiti di ingresso normativi e i laboratori / centri di test, l’emissione di certificati verificati, l’identità digitale e la possibilità per i passeggeri di condividere i risultati dei test durante il viaggio tramite il proprio dispositivo mobile.

All’interno dell’app IATA Travel Pass, il registro integrato dei requisiti di viaggio consentirà ai passeggeri di trovare informazioni accurate sui requisiti di viaggio e di ingresso per tutte le destinazioni, indipendentemente da dove stanno viaggiando, includerà anche un registro dei test e, eventualmente, dei centri di vaccinazione, i passeggeri saranno così in grado di sapere con facilità dove effettuare i test, in centri e laboratori che soddisfano gli standard per i requisiti di test e vaccinazione della loro destinazione.

Questi moduli possono funzionare insieme come un’unica soluzione end-to-end completa, oppure possono essere utilizzati separatamente per completare altre piattaforme.

IATA ha sviluppato questi moduli per garantire che siano interoperabili con altre soluzioni del settore.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi