Flyr Flyr

Flyr, la nuova compagnia aerea norvegese

Tempo di lettura 2 minuti

La Norvegia il prossimo anno avrà una nuova compagnia aerea, questa volta norvegese, che entrerà nel mercato domestico insieme a SAS. Norwegian e Wizz Air, si chiama Flyr.

La nuova compagnia aerea è stata fondata da un noto professionista dell’aviazione norvegese Erik Braathens, CEO della compagnia aerea Braathens tra il 1989 e il 1999 e presidente del consiglio di amministrazione di Norwegian dal 2004 al 2009, successivamente ha continuato a far parte del consiglio di amministrazione come membro.

I primi voli sono previsti per la primavera del 2021, la compagnia non ha attualmente un COA.

Flyr ha una filosofia del tutto particolare, si differenzia dagli altri vettori da subito, siamo stati abituati a vedere il settore aereo in un modo, Flyr cercherà da un altro punto di vista di farci cambiare idea, una visione completamente diversa e eco-friendly, afferma che sta costruendo un’azienda che per essere redditizia non dovrà aumentare il numero di passeggeri, ovvero non dovranno volare molto, solo il necessario.

Flyr come si legge ne loro sito ci spiega che: “Dobbiamo tutti volare meno negli anni a venire per prenderci cura dell’ambiente. Proprio per questo stiamo costruendo un’azienda che non dipende dal fatto che sempre più persone volino sempre di più per raggiungere la redditività. I nostri dipendenti saranno anche impiegati direttamente in azienda, con condizioni salariali e lavorative norvegesi. Questo ci distingue dagli altri modelli di business nel settore dell’aviazione, essendo più sostenibili per l’economia, la società e l’ambiente.” Incredibile vero?

Perchè il nome Flyr? “Il nome riflette la semplicità dell’azienda e del prodotto che stiamo realizzando. Avviamo Flyr con l’obiettivo di fornire il volo più semplice, in base alle esigenze dei passeggeri. La scelta del nome può sfidare le regole e le aspettative tradizionali, e allo stesso modo vogliamo essere un player nel settore dell’aviazione. Gli aeroplani sono ciò che sappiamo fare meglio e l’unica cosa che dobbiamo fare.

Erik Braathens non sarà solo, sarà affiancato da Tonje Wikstrøm Frislid, ex vice presidente di Norwegian, che sarà CEO di Flyr. 

L’obbiettivo di Flyr è assumere solo personale norvegese ed iniziare le operazione con 5 aerei.

La APP è già pronta, tutte le operazioni disponibili per i clienti saranno disponibili nella APP della compagnia aerea, sarà una APP intelligente, gli algoritmi di intelligenza artificiale, aiuteranno ed accompagneranno il passeggero in tutte le fasi di acquisto del volo ed anche successivamente, non ci sarà la possibilità di effettuare ness tipo di operazione con altro mezzo se non la APP.

Dove volerà?

Si sa solo che … “Voleremo tra città norvegesi e destinazioni ben note in Europa.”

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi