Virgin Atlantic

Virgin Atlantic pianifica il suo futuro

Tempo di lettura 3 minuti

Ora può farlo, dopo aver ottenuto 1.2 miliardi di sterline di aiuti.

Virgin Atlantic ha lanciato il suo piano di ristrutturazione che durerà 5 anni e tornerà a volare il 20 luglio.

Il piano di ristrutturazione con il supporto degli azionisti Virgin Group e Delta, nuovi investitori privati e creditori esistenti, apre la strada a Virgin per ricostruire il proprio bilancio e tornare alla redditività dal 2022.

La ricapitalizzazione fornirà un pacchetto di rifinanziamento del valore di circa £ 1,2 miliardi nei prossimi 18 mesi oltre alle misure di auto-aiuto già adottate: Risparmio di circa £ 280 milioni all’anno e circa £ 880 milioni di rifasamento e finanziamento delle consegne di aeromobili nei prossimi cinque anni.
Gli azionisti stanno fornendo circa £ 600 milioni di finanziamenti durante i 5 anni del piani, incluso un investimento di £ 200 milioni da Virgin Group, e il differimento di circa £ 400 milioni di differimenti e rinunce degli azionisti.

Un nuovo finanziatore. Davidson Kempner Capital Management LP, una società globale di gestione degli investimenti istituzionali. fornirà £ 170 milioni di finanziamenti garantiti.

I creditori supporteranno la compagnia aerea con oltre 450 milioni di sterline con il differimento dei pagamenti.

Il piano entrerà in vigore alla fine dell’estate 2020.

Fin dall’inizio della crisi, Virgin Atlantic ha preso provvedimenti decisivi per garantirne la sua sopravvivenza. A marzo, tutti i dipendenti hanno usufruito di 8 settimane di ferie non retribuite per poi accedere al sostegno al reddito del Regno Unito, mentre i dirigenti hanno effettuato tagli volontari alle retribuzioni.

Nel secondo trimestre, i voli sono diminuiti del 98% e nella seconda metà del 2020, la capacità dovrebbe ridursi di almeno il 60% rispetto al 2019, con livelli di volo pre-crisi che probabilmente non torneranno fino al 2023.

Riduzione di flotta e personale

3.500 persone perderanno almeno temporaneamente il loro posto di lavoro ed è intenzione di Virgin, riassumerli non appena ve ne sarà la possibilità.

Tutti i Boeing B747 e gli Airbus sono usciti dalla flotta.

Shai Weiss, CEO di Virgin Atlantic, ha dichiarato: “Pochi avrebbero potuto prevedere l’entità della crisi Covid-19 a cui abbiamo assistito e senza dubbio, gli ultimi sei mesi sono stati i più difficili che abbiamo affrontato nella nostra storia di 36 anni. Abbiamo preso misure dolorose, ma abbiamo realizzato ciò che molti ritenevano impossibile. La ricapitalizzazione solvente di Virgin Atlantic ci assicurerà che possiamo continuare a fornire connettività e concorrenza vitali ai consumatori e alle imprese in Gran Bretagna e oltre. Apprezziamo molto il sostegno dei nostri azionisti, creditori e nuovi investitori privati e insieme assicureremo che Virgin Atlantic possa emergere una compagnia aerea redditizia e sostenibile, con un bilancio sano.

“Una volta approvato il nostro piano, continueremo a concentrarci sulla fornitura ai nostri clienti del servizio che si aspettavano. Nonostante gli incredibili sforzi dei nostri team, attraverso voli cancellati e rimborsi ritardati non abbiamo rispettato gli alti standard che ci siamo prefissati, ma faremo tutto il possibile per riconquistare la loro fiducia.

Mentre non dobbiamo sottovalutare le sfide future e la necessità di rispondere continuamente a questa crisi, so che ora, più che mai, la nostra gente è ciò che ci distingue. Sono stato umiliato dal loro supporto e dalla costante solidarietà. La ricerca della nostra visione continua e ciò dipende da ognuno di loro. “

Josh Bayliss, CEO di Virgin Group, ha dichiarato: “Il grave impatto di COVID-19 sull’aviazione globale ha significato che Virgin Atlantic ha dovuto reinventare i suoi affari e ricostruire le sue finanze per mettere insieme questo piano di ricapitalizzazione da 1,2 miliardi di sterline. Siamo grati al team incredibilmente impegnato della compagnia aerea che, sotto la guida di Shai Weiss, ha dimostrato grande capacità di ripresa e spirito incrollabile durante questo periodo difficile. Accogliamo con favore il nuovo investimento di Davidson Kempner e il supporto continuo del nostro collega azionista Delta. Questa è la sfida più difficile che la compagnia aerea ha affrontato nei suoi 36 anni. Tuttavia, rafforzati dal rifinanziamento, dal supporto dei creditori e dei suoi eccezionali dipendenti, siamo lieti che Virgin Atlantic sarà in grado di continuare a far volare i clienti verso le destinazioni che più amano e fornire una concorrenza vitale e connettività da e verso il Regno Unito. “

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi