Virgin Australia

Virgin Australia, un offerta dagli obbligazionisti

Tempo di lettura < 1 minuto

Gli obbligazionisti di Virgin Australia hanno lanciato un offerta nelle scorse ore, in competizione con i due fondi di private equity Bain Capital e Cyprus Capital Partners, che si erano resi disponibili ad investire nella compagnia aerea australiana.

Gli obbligazionisti sono disposti a ricapitalizzare Virgin Australia, la proposta è al vaglio di Deloitte che sta valutando le offerte.

La decisione sarà resa nota entro questa settimana, e la proposta degli obbligazionisti che con 2 miliardi di dollari australiani, è il maggior creditore di Virgin Australia complica la situazione, la proposta infatti, non potrà non essere valutata e ha il suo peso.

Secondo una fonte non resa nota da Reuters gli obbligazionisti hanno proposto di ricapitalizzare Virgin con 1 miliardi di dollari con uno scambio di debito per equity e di far tornare in borsa Virgin Australia.

Gli obbligazionisti sono intervenuti nella vendita di Virgin Australia anche perchè con la proposta dei due fondi americani ne uscirebbero con appena 10 centesimi di dollari per azione, mentre con la loro proposta arriverebbero a 70.

Faraday Associates e Corrs Chambers Westgarth stanno seguendo la questione per conto degli obbligazionisti che non toccherebbe l’attuale management con una soluzione di continuità per il piano di ristrutturazione già in atto nella compagnia.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi