Colibri Aero

Cargo Seat Bag

Tempo di lettura 2 minuti

La pandemia di coronavirus, con tutti gli aerei passeggeri a terra, alcuni di questi con diverse modalità sono stati utilizzati per il trasporto di merci, anche nelle cabine passeggeri.

Alcuni vettori, in particolare per gli aerei più grandi, hanno tolto completamente i sedili, adattando le cabine, grazie anche all’aiuto di Airbus per ospitare solo merci, altre posizionavano gli scatoloni sui sedili e nelle cappelliere, in sicurezza proteggendo i sedili e bloccando le merci.

Alcune aziende del settore hanno iniziato a pensare a soluzioni per permettere il trasporto di merci con maggiore sicurezza ed anche in un volo non esclusivamente cargo, ma che trasporta anche passeggeri.

Colibri Aero e J&C Aero hanno ideato per tutti gli aeromobili della famiglia A320 di Airbus, delle borse da utilizzare per il trasporto di merci commerciali all’interno delle cabine passeggeri, con queste borse passeggeri e merci possono essere trasportati in cabina sullo stesso volo.

La Cargo Seat Bag è un ampio kit 76x76x147 cm (30x30x58 pollici) approvato dall’EASA, con un carico fino a 75 kg (165 lb) da riporre sul sedile e 9 kg aggiuntivi – sotto il sedile, per un totale di 252 kg (555 lb) per un blocco triplo sedile.

Il kit può essere utilizzato per il trasporto di sole merci, nonché in modalità DUAL PAX + Cargo che consente alle compagnie aeree di effettuare operazioni PAX riempiendo i posti vuoti rimanenti con merci commerciali.

Il kit può essere facilmente installato in pochi minuti e può includere una vasta gamma di tipi di carico: dalla corrispondenza postale, articoli per la casa, elettronica e altri carichi commerciali alle attrezzature mediche e altri tipi di forniture umanitarie.

I kit sono sviluppati in conformità ai requisiti di integrità strutturale, protezione antincendio ed evacuazione di emergenza. A tutti gli operatori aerei verrà fornita una matrice di giustificazione della conformità delle condizioni speciali del bagaglio da carico, un manuale di caricamento e documentazione aggiuntiva richiesta dalle rispettive autorità aeronautiche nazionali (CAA). La documentazione del kit MOD può anche essere integrata con un modulo 1 AESA.

Potrebbe essere interessante in particolare per i voli dove c’è richiesta di trasporto merci, ma c’è meno richiesta di trasporto passeggeri, ovvero in voli dove il load factor è di norma basso e può essere prevista la programmazione regolare del trasporto di piccole merci con questa modalità, rendendo profittevole, un volo che potrebbe non esserlo in altre condizioni.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi