Aviation

L’importanza di un’infrastruttura IT per un vettore aereo

Tempo di lettura 3 minuti

In questo articolo analizzeremo come caso studio: Lufthansa ed IBS.

IBS è uno dei fornitori IT del gruppo Lufthansa, la collaborazione con LH è iniziata nel 2011 con la fornitura della piattaforma IT per per Lufthansa Cargo AG (LCAG).

Oggi IBS fornisce la piattaforma per la gestione degli equipaggi, per circa 28.000 membri dell’equipaggio (5.000 piloti e 23.000 crew) su 2.000 voli giornalieri.

La complessità di un operazione di questo tipo è tale che in particolare per un gruppo come LH, è necessaria una solida piattaforma IT, in grado di semplificare ed ottimizzare o processi e la gestione del personale.

Prima dell’introduzione della piattaforma di IBS, l’assegnazione e l’implementazione dei membri dell’equipaggio venivano effettuate in un ambiente estremamente complicato.

la vecchia piattaforma IT

L’infrastuttura era basata su un mainframe Unisys che fungeva da framework su cui giravano i sistemi Roster e Pairing.

I diversi sistemi interfacciati tra di loro supportavano quindi la complessa gestione dei processi aziendali relativi all’equipaggio, come la gestione dei pernottamenti nel caso di nightstop, l’APIS dell’equipaggio (ovvero le applicazioni utilizzate dagli equipaggi ad esempio per visualizzare i turni e gestire i cambi turno, oltre che ricevere comunicazioni su tali attività), la prenotazione automatizzata dei voli per i deadhead ( un assistente di volo o di un pilota che sta volando come passeggero durante il servizio ) e la corrispondente generazione di e-tix, il check-in di servizio dell’equipaggio, l’archiviazione e le modifiche dei dati dei membri dell’equipaggio e la generazione di rapporti.

La complessità era ormai arrivati a livello tali da rendere l’uso e la manutenzione del sistema non più sostenibile, che poteva diventare un grave problema per la crescita e la gestibili del network e del gruppo.

I problemi

Aumento dei costi: il sistema Unisys richiedeva una manutenzione regolare e aggiornamenti frequenti e costosi, aumentando così i costi IT a livelli ingestibili per Lufthansa.

Crescenti rischi operativi : Il miglioramento del panorama CMS ha portato a un gran numero di diversi moduli (con un gran numero di interfacce e senza l’utilizzo di alcun middleware) in un raggruppamento complesso, mentre il sistema di memorizzazione era un sistema originariamente sviluppato nel 1978.

Garantire un supporto tempestivo era una sfida e un serio problema, oltre che costoso.

Piattaforma ormai datata: la necessità di un sistema tecnico più moderno trovavano un ostacolo nei vecchi standard tecnologici.

La revisione dell’intera piattaforma è stata la chiave per garantire la scalabilità e la crescita del business per Lufthansa.

Il software IBS è stato impegnato a revisionare completamente il panorama IT del Crew Management System (CMS) ospitato sulla piattaforma Unisys, e sostituirlo con il modello di dati dell’applicazione iFlightCrewplat di accoppiamento, rostering e dati di volo e di equipaggio.

La piattaforma di IBS ha integrato le operazioni di gestione dell’equipaggio e di tutte le operazioni di volo.

Sono state create oltre 40 interfacce in entrata e in uscita oltre ad altre funzionalità che hanno affrontato aree di business come check-in dell’equipaggio, APIS dell’equipaggio, hotel e trasporti, prenotazione dell’equipaggio, e-tix e report.

In una prima fase di test il vecchio sistema ha continuato a funzionare parallelamente al nuovo, per verificare il corretto funzionamento del nuovo sistema in fase di test, per garantire che la funzionalità e che le interfacce nella nuova piattaforma funzionassero in modo impeccabile e senza alcuna incoerenza dei dati.

Questo caso di successo, dimostra la necessità per ogni vettore di avere a supporto del proprio operativo, un adeguata e customizzata infrastruttura IT in grado di sostenere, non solo la normale operatività, ma anche la crescita in termini di passeggeri, equipaggi e flotta, riducendo notevolmente se non quasi azzerando i rischi di errori che possono compromettere l’operativo.

Fondamentale quindi la scalabilità del sistema per garantire che l’infrastruttura IT utilizzata possa crescere insieme al vettore senza la necessitò nel medio periodo di importanti investimenti per l’implementazione di una nuova infrastruttura gestionale IT.

Se da un lato infatti la nuova infrastruttura IT di IBS per Lufthansa ha fornito al panorama CMS di Lufthansa una base di architettura tecnica superiore, alcuni vantaggi della nuova soluzione includevano: accesso dal browser Web a un singolo sistema compatibile con CUTE e conforme al GDPR.

Ma ha anche fornito al gruppo LH un architettura scalabile fornita dalla distribuzione basata su componenti e la flessibilità di aggiungere moduli funzionali alla piattaforma principale.

Una “soluzione a prova di futuro” , IBS ha consentito un processo di migrazione dei dati basato su strumenti dal sistema attuale, ma consente una più facile integrazione con sistemi esterni con API di integrazione che supporta lo scambio di dati basati sia su IATA che XML e supporto per servizi Web.

Fonte: IBS Case study

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi