FlyBosnia

FlyBosnia, vola a Roma ma ha solo due destinazioni

Tempo di lettura 2 minuti

FlyBosnia ha lanciato due voli al giorno per Roma FCO, ma il suo modello di business ed i piani per la stagione invernale non convincono.

La compagnia con base a Sarajevo da cui verranno operati i voli per Roma, ha infatti solo due destinazioni, e due Airbus A319, si capisce bene come entrambi siano sottoutilizzati.

Un modello di business, quello di FlyBosnia che ha già accumulato in meno di un anno di attività 600.000 dollari di debiti verso l’aeroporto di Sarajevo e ha in programma l’acquisto di ulteriori A319.

Sarajevo – Roma

I voli tra l’aeroporto internazionale di Sarajevo e Roma Fiumicino 6W107 e 6W108, iniziano lunedì 4 novembre.

I biglietti sono già in vendita e verranno operati con frequenza bisettimanale.

Lunedì: da Sarajevo partenza alle 8.00 e arrivo a Roma alle 9.15, con partenza da Roma alle 10.15 e arrivo a Sarajevo alle 11.30.

Giovedì: da Sarajevo alle 17.20, arrivo a Roma alle 18.35 ripartenza da Roma alle 19.35 arrivo a Sarajevo alle 20.50.

Significativa eccedenza di capacità

Perchè FlyBosnia sta utilizzando così poco i due aerei ? Come pensa di poter avere entrate sufficienti dalla vendita dei voli per poter proseguire la sua attività?

E’ molto strano che non ci sia un piano per mettere in piedi un operativo in grado di utilizzare in maniera ottimale le risorse e gli aeromobili già in uso.

Qualora esista, perchè non viene attuato?

Va contro ogni logica di mercato e di business nel campo dell’aviazione, per una compagnia aera che ha iniziato da poco la sua attività.

Va da se che non è sufficiente mettere in piedi 2 rotte profittevoli, ma è necessario realizzare un piano di crescita che possa garantire un futuro della compagnia ovviamente compatibilmente con le risorse a disposizione ed i mezzi a disposizione, piano che possa attrarre anche i giusti investimenti, garantendo crescita e profitti.

FlyBosnia, deve assolutamente utilizzare in maniera ottimale entrambi gli aeromobili e sfruttare tutto il margine di crescita che una flotta di due aeromobili può garantire, ovvero almeno 20 ore di volo al giorno che da Sarajevo potrebbero voler dire almeno 4 destinazioni al giorno.

Attualmente con 2 rotte operate: Londra 2 volte a settimana per un totale di 4 segmenti, Roma 2 volte a settimana sempre 1 volta al giorno altri 4 segmenti, ovvero in totale ogni settimana il vettore opera solo 8 voli per un totale di circa 15 ore di volo.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi