Approfondimenti

la Germania ha deciso: aumento tassa voli nel 2020

Tempo di lettura 2 minuti

Il governo tedesco guidato dalla cancelliera Merkel si è posto come obbiettivo la riduzione delle emissioni di gas serra del 55% in 10 anni.

Deciso un aumento delle tasse per Il trasporto aereo, attualmente fissata a 7,40 euro per i voli nazionali.

Se ne riparlerà più avanti, ieri è stato deciso però che il trasporto ferroviario sarà più economico, verrà infatti ridotta l’IVA dal 19% al 12%.

Ad agosto sembrava quasi certo che la proposta del ministro dell’ambiente Svenja Schulze, di un aumento delle tasse sul trasporto aereo, non venisse accolta, e durante il vertice dell’aviazione del governo federale tedesco a Lipsia il 21 agosto, il ministro dei trasporti Andreas Scheuer, esprimeva le intenzioni del suo ministero“Il nostro ministero vuole promuovere anziché vietare, rendere più economici i carburanti puliti e sintetici. Ci impegniamo a utilizzare le entrate fiscali per l’aviazione per obiettivi di ricerca, innovazione e clima.”

Una misura inserita all’interno  del “Piano del clima 2030”, presentato ieri in circa 22 pagine dalla cancelliera Merkel che ne ha illustrato obbiettivi e azioni.

Obbiettivo: passare dai circa 866 milioni di tonnellate di emissioni di C02 attuali a 563 milioni.

18 ore per raggiungere un intesa tra i partner della Grosse Koalition, che sono riusciti a trovare una quadra con l’introduzione dal 2021 del sistema del commercio dei certificati di emissione, come già esiste in Ue per le industrie (Ets).

Sono stati concordati prezzi per tonnellata di Co2 di 10, 20, 25, 30 e 35 euro per ciascun anno dal 2021 al 2025, quando il prezzo delle emissioni verrà stabilito attraverso il mercato.

Un simile sistema, scrive la Sueddeutsche Zeitung, aumenterà il costo della benzina e del diesel alla pompa di 3 centesimi al litro nel 2021 per poi arrivare a 10 centesimi nel 2026. Ma aumenterà anche il costo del riscaldamento a gasolio e gas naturale.

Incentivi green e agevolazioni per i pendolari

I rincari sulle emissioni di Co2 dovrebbe portare a nuove entrate nelle casse dello Stato, utili per garantire nuovi incentivi a chi ristrutturerà la propria casa, utilizzando tecnologie e materiali più ecosostenibili.

Verranno introdotti incentivi per l’acquisto di auto elettriche con un prezzo inferiore a 40mila euro e verranno realizzate più stazioni di ricarica in tutta la Germania, anche i costruttori verranno “obbligati” a quote obbligatorie di auto elettriche tra i nuovi veicoli immatricolati.

Aumenterà anche l’indennità per i pendolari che nel 2021 passerà da 30 a 35 centesimi, per compensare gli aumenti del carburante, ma solo fino al 2026.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi