Aigle Azur

Aigle Azur stop dal 7 settembre 2019

Aigle Azur sospenderà tutti i voli dal 7 settembre 2019.

Aigle Azur, ha dichiarato bancarotta e in accordo con le autorità francesi, ha deciso di anticipare lo stop di tutti i voli, in attesa di un acquirente. 

Ancora da valutare l’entità dei clienti che sono coinvolti in questo fallimento e che non potranno usufruire del volo di ritorno: le prime stime parlano di circa 50mila passeggeri.

In una dichiarazione, Aigle Azur afferma che la sua situazione finanziaria e le successive difficoltà operative hanno costretto il vettore a prendere questa decisione.

Una fine triste per Aigle Azur, nata nel 1946

È una fine triste per una compagnia aerea con una lunga storia, nata nel 1946, anche se non è molto nota in Italia, in Francia è molto conosciuta.

Non è la prima difficoltà che Eagle Azur sta affrontando, già nel 2000 ha superato una crisi finanziaria, grazie ad un nuovo proprietario, diventando la seconda compagnia aerea francese.

Negli ultimi anni ha portato nuovi aeromobili nella sua flotta e ampliato le sue operazioni, volando principalmente in Europa, ma anche in Russia, Libano, Senegal e Algeria.

Perdite dal 2012

Dal 2012 le perdite del vettore hanno iniziato crescere, portandola oggi ad una situazione non più sostenibile.

Purtroppo non sembra esserci molto interesse nell’acquisizione della compagnia da altri azionisti, anche sela scorsa settimana, uno degli azionisti di minoranza ha tentato di rilevare la compagnia aerea, creando una situazione non del tutto chiara, quando l’azionista Gérard Houa, proprietario di Lu Azur, si è auto-nominato presidente di Aigle Azur.

Azione subito respinta, Huoa è stato rimosso e le sono state rivolte pesanti accuse riguardo all’uso di documenti falsificati durante il tentativo di acquisizione.

2 settembre 2019, assemblea degli azionisti

L’assemblea degli azionisti che si è tenuta lunedì 2 settembre 2019, ha deciso di richiedere che la compagnia venisse posta in amministrazione controllata.

Anche se inizialmente erano previsti tempi un po più lunghi per la sospensione dei voli, in attesa di un possibile nuovo acquirente.

La situazione è precipitata martedì con le dimissioni del CEO di Aigle Azur, Frantz Yvelin.

Air France e IAG possibili acquirenti?

Aerotime ha riferito che il vettore potrebbe essere acquistato da Air France o dal gruppo IAG.

La scadenza per le prime offerte è l’8 settembre 2019.

Martin Surzur, rappresentante sindacale del pilota di Agile Azur, ha dichiarato a Le Monde:

“Air France ha espresso interesse per Aigle Azur e sarebbe pronta a fare un’offerta pubblica di acquisto.”

10.000 slot di Orly potrebbero far gola a Transavia per i suoi progetti di crescita.

Ma anche IAG secondo Martin Surzur, ha fatto un’offerta senza successo per acquistare gli slot di Orly diverse settimane fa, gli slot di Orly potrebbero interessare a IAG per Vueling.

Per i passeggeri coinvolti dalla cancellazione dei voli:

Sul suo sito web, Aigle Azur si scusa e afferma che i passeggeri rimasti bloccati dovranno acquistare un altro biglietto con un’altra compagnia aerea.

I passeggeri che hanno acquistato i biglietti online con una carta di credito possono richiedere uno storno di addebito alla società della loro carta di credito.

I passeggeri che hanno acquistato i biglietti da un agente di viaggio devono contattare direttamente l’agente di viaggio.

Se i passeggeri in possesso di biglietti non inclusi nelle due opzioni sopra citate, dovranno seocndo una nota di  Aigle Azur, acquistare un nuovo biglietto, e contattare il rappresentante legale della compagnia all’indirizzo www.agileazur.online

Aigle Azur nel suo sito è molto chiara, la situazione finanziaria della società “non lascia sperare in un rapido risarcimento”.

 

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi