crociere

Virgin Cruises sigla un accordo con Fincantieri

Non ne avevo mai sentito parlare e proprio nel giorno in cui lascio dopo anni la palestra Virgin di Mestre, visti i costi 🙁 , vengo a sapere che Richard Branson, miliardario che non si può dire non abbia avuto intuito e che continuerò ad apprezzare, sbarca sulle navi Fincantieri per una nuova avventura, crociere Adult only.

Come si legge in un articolo di Business Insider Italia e nel sito Virgin Voyages durante la cerimonia della moneta, svoltasi negli stabilimenti Fincantieri di Sestri Ponente, dove verranno costruite le tre navi, lo stesso Branson che ovviamente come nel suo stile l’ha trasformata in uno spettacolo, stupito e con entusiasmo dichiara :Sono partito come produttore discografico indipendente, e ora faccio anche l’armatore”.

Alla guida di Virgin Cruises ci sarà , Tom McAlpin, che aveva già ricoperto la carica di CEO per Disney Cruises e The World .

Branson ha da sempre utilizzato il logo Virgin per differenziare il suo prodotto dai concorrenti e costruire intorno a se un mondo e una filosofia #VIRGIN, e quindi anche le crociere non saranno le solite crociere.

Tutte le navi salperanno da Miami (la prima nel 2020) e saranno navi con un impatto ambientale ridotto, ad esempio come spiega lo stesso McAlpin “tutte dotate di un innovativo sistema per produrre energia sfruttando il calore di scarto dei generatori di bordo, e adotteranno le più moderne tecnologie oggi disponibili per la riduzione dei consumi“.

virgin_voyages_nave

 

L’ordine, il cui valore complessivo si aggira attorno ai 2 miliardi di euro, prevede la costruzione di 3 navi da crociera con capacità di 2.700 passeggeri e 1.150 membri dell’equipaggio, e una stazza lorda di circa 110.000 tonnellate, che verranno tutte costruite negli stabilimenti di Sestri Ponente e consegnate rispettivamente nel 2020, 2021 e 2022.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi