Pittsburgh Airport

Pittsburgh: obbiettivo diventare primo aeroporto USA a produrre SAF

  • 1 mese fa
  • 3minuti

L’aeroporto internazionale di Pittsburgh (PIT) mira a diventare il primo grande aeroporto degli Stati Uniti a produrre carburante sostenibile per l’aviazione (SAF) direttamente nell’area aeroportuale.

L’aeroporto a maggio ha annunciato il progetto di costruire due strutture sulla sua proprietà di 8.800 acri.

L’aeroporto a maggio ha annunciato il progetto di costruire due strutture sulla sua proprietà di 8.800 acri. Una struttura sarà realizzata da KeyState Energy e dal produttore di gas naturale CNX Resources, mentre la seconda dalla società scandinava SkyClean.

Christina Cassotis, CEO dell’Autorità aeroportuale della contea di Allegheny, ha dichiarato all’Aviation Week che i progetti sono cruciali per accelerare l’adozione di carburanti più puliti ed ecologici nell’aeroporto, aiutando l’industria a raggiungere i suoi obiettivi di zero emissioni entro il 2050. PIT sarà anche in grado di esportare SAF grazie alla sua vicinanza al fiume Ohio , consentendo il trasporto verso altre comunità aeroportuali altamente popolate che non dispongono di spazio per i propri impianti di produzione.

“Vogliamo essere parte della soluzione”, ha detto Cassotis. “Questi progetti genereranno opportunità di sviluppo economico e creazione di posti di lavoro per la regione, sostenendo al tempo stesso l’industria attraverso la fornitura di SAF. Inoltre, miriamo a dimostrare varie tecnologie che potrebbero essere utilizzate in diversi mercati in tutto il mondo”.

KeyState e CNX sperano di costruire un impianto da 1,5 miliardi di dollari in grado di produrre fino a 68.000 tonnellate di idrogeno all’anno o fino a 70 milioni di galloni di SAF, o una combinazione dei due.

Le aziende hanno firmato un memorandum d’intesa con il PIT, anche se il progetto andrà avanti solo se l’amministrazione Biden consentirà l’uso del metano fuggitivo proveniente dalle miniere di carbone per beneficiare di un credito d’imposta sulla produzione di idrogeno.

KeyState fungerà da sviluppatore e mira a garantire il finanziamento del progetto, mentre CNX fornirà servizi di materie prime e altro supporto tecnico ingegneristico. L’aeroporto offrirà consulenza strategica, pianificazione e competenza nel settore.

Nel frattempo, SkyClean è in procinto di firmare un accordo di locazione del terreno per costruire un impianto di produzione SAF, in grado di produrre 25 milioni di galloni. di SAF non miscelato all’anno con futura espansione della produzione fino a 75 milioni di galloni. L’azienda sta lavorando al progetto con Swedish Biofuels e il suo partner dell’alleanza tecnologica KBR, che hanno sviluppato un processo che produce un carburante per aerei completamente fungibile da una varietà di materie prime.

“Se si considerano i posti di lavoro creati, non solo durante la fase di costruzione ma anche attraverso la manutenzione continua, i benefici economici indotti dall’indotto, sia diretti che indiretti, sono significativi”, ha affermato Cassotis. “Speriamo che questo attiri maggiori investimenti nella regione per percorsi di energia pulita, che è il nostro obiettivo primario”.

Il PIT è diventato il primo aeroporto al mondo ad essere completamente alimentato da gas naturale ed energia solare nell’estate 2021 come parte della sua microrete. L’energia generata al PIT costituisce la fornitura primaria per l’intero aeroporto, compresi i terminal e l’aerodromo. L’energia viene generata in parte attraverso pozzi di gas naturale e 9.360 pannelli solari.

“Con la sua storia storica di innovazione, reinvenzione e creatività, in particolare per l’ambiente e l’energia, il mondo può ancora una volta guardare a Pittsburgh come pioniere nello sviluppo di questa risorsa vitale per il nostro settore”, ha affermato Cassotis.