Budapest Airport

A VINCI Airports la gestione dell’aeroporto di Budapest

  • 1 mese fa
  • 2minuti

VINCI Airports, una controllata di VINCI Concessions, e Corvinus, un fondo di investimento interamente posseduto e gestito dallo Stato ungherese, hanno firmato e concluso congiuntamente l’acquisizione del concessionario dell’aeroporto internazionale Liszt Ferenc di Budapest.

In qualità di operatore della piattaforma, VINCI Airports gestirà l’aeroporto e ne implementerà il modello, che mira a migliorare l’esperienza del cliente e supportare la crescita del traffico attraverso investimenti adeguati.

Capitale dell’Ungheria, Budapest è il punto di ingresso chiave del paese per la mobilità aerea: il suo aeroporto gestisce il 96% del traffico aereo del paese.

Nel 2023 il traffico ha raggiunto il 90% del livello pre-crisi sanitaria, mentre nei primi quattro mesi del 2024 ha superato di oltre l’8% il traffico del 2019 e del 19% quello del 2023. L’aeroporto ha anche prospettive positive per il futuro, soprattutto in vista dello sviluppo del turismo nel Paese.

Verrà inoltre lanciato un ambizioso piano d’azione per raggiungere emissioni nette pari a zero entro il 2030.

Il valore dell’operazione al 100% è di 3,1 miliardi di euro (equity value), più un debito netto di 1,2 miliardi di euro1 . L’Ebitda 2023 è pari a 211 milioni di euro. VINCI Airports e Corvinus hanno acquistato l’aeroporto di Budapest su base proporzionale e hanno rinnovato il debito esistente della società.

La durata residua della concessione è di oltre 55 anni (scadenza nel 2080). Al termine della transazione, Corvinus deterrà l’80% del concessionario e VINCI Airports il 20%.

Attraverso questa acquisizione, VINCI Airports, che opera in Portogallo, Regno Unito, Francia e Serbia, rafforza la sua rete in Europa, che ora copre 26 piattaforme che gestiscono quasi 154 milioni di passeggeri nel 20232 .

  1. A fine dicembre 2023. ↩︎
  2. I dati del 2023 si applicano al 100% del perimetro del 2024, includendo quindi i passeggeri provenienti da Budapest nel 2023. ↩︎