TAP TAP Air Portugal

Continua il trend positivo di TAP Air Portugal

  • 2 mesi fa
  • 6minuti

Nel primo trimestre 2024 (Q1 FY24) TAP ha registrato un miglioramento delle prestazioni operative, superando il primo trimestre del 2023 in diverse metriche: ha trasportato più passeggeri (+0,6%), ha aumentato la propria capacità (+3,8%) e ha migliorato il load factor (+0,3 p.p.).

I ricavi operativi, pari a EUR 862 milioni, con un aumento del 3,1% rispetto al primo trimestre del 2023, evidenziano i ricavi del segmento passeggeri (+5%), che ha registrato anche un incremento del PRASK (+1,2%) e dello yield (+1,8%).

Nel primo trimestre 2024 TAP ha registrato un EBITDA ricorrente di EUR 83,7 milioni e un EBIT ricorrente negativo di EUR 43,3 milioni, significativamente superiore ai livelli pre-crisi del 2019 (rispettivamente EUR 5,5 milioni e EUR -99,3 milioni).

Al 31 marzo 2024 il Gruppo disponeva di una solida posizione di cassa pari a EUR 1.133,4 milioni, pari a un incremento di EUR 344,0 milioni rispetto alla fine del 2023, a seguito dell’esecuzione della seconda tranche di capitale da parte dell’azionista, avvenuta nel gennaio 2024, per un importo di EUR 343 milioni. Questo dato conferma la gestione finanziaria oculata e prudente di TAP.

Luís Rodrigues, CEO di TAP, ritiene che “Nel primo trimestre del 2024 abbiamo proseguito la trasformazione strutturale necessaria per TAP. L’investimento nel nostro personale, compresa la cessazione dei tagli salariali, gli adeguamenti inflazionistici e i nuovi contratti collettivi di lavoro, ha avuto un impatto immediato sui risultati finali, e continuerà a dare i suoi frutti. Siamo stati in grado di aumentare la capacità, trasportare più passeggeri e migliorare il load factor rispetto al primo trimestre del 2023, il che si è tradotto in un aumento dei ricavi, in interruzioni di servizio significativamente ridotte, in un miglioramento della puntualità e della regolarità su un’infrastruttura fortemente congestionata. Tutto questo si è tradotto anche in un importante aumento del NPS (Net Promoter Score), che è passato da 12 a 24. Abbiamo piena fiducia nel nostro personale e sappiamo che saremo all’altezza della sfida di un’estate intensa, con un aumento significativo delle frequenze verso il mercato brasiliano e nordamericano. Il nostro obiettivo e il nostro impegno rimangono immutati: trasformare TAP in una compagnia aerea sostenibile e redditizia e in una delle aziende più attraenti del settore per tutti i nostri stakeholder.”

Nel primo trimestre il numero di passeggeri trasportati è aumentato dello 0,6% rispetto al primo trimestre del 2023 (Q123), pur operando il 2,0% di voli in meno rispetto al Q123. I passeggeri trasportati hanno superato quelli dei livelli pre-crisi del 2019 (Q119), registrando il 104%, mentre i voli operati si sono attestati al 90%.

La capacità (misurata in ASK) è aumentata del 3,8% rispetto al Q123, superando anche i livelli pre-crisi e registrando il 114% dei valori del Q119. Il load factor è migliorato di 0,3 p.p. raggiungendo il 79,3% rispetto all’anno precedente e di 4,1 p.p. rispetto ai livelli pre-crisi.

I ricavi operativi sono stati pari a EUR 861,9 milioni, registrando un incremento del 3,1% rispetto al Q123, superando e rappresentando il 140% dei ricavi operativi del Q119, trainati principalmente dai ricavi del segmento passeggeri. Questi sono aumentati di EUR 37,2 milioni (+5%) rispetto al Q123, raggiungendo EUR 774,7 milioni, generando un PRASK di 6,25 centesimi di euro, con un aumento dell’1,2% (+0,07 centesimi di euro) rispetto al Q123 e un aumento del 28,0% (+1,37 centesimi di euro) rispetto al Q119. 

I ricavi della divisione Maintenance sono stati pari a EUR 45,0 milioni, registrando un incremento di EUR 1,4 milioni rispetto al primo trimestre 2023, principalmente grazie al miglioramento della catena di approvvigionamento che aveva generato un ritardo nelle attività programmate nei trimestri precedenti. I ricavi del segmento Cargo sono diminuiti di EUR 12,1 milioni a EUR 36,7 milioni, registrando un calo del 24,7% rispetto al primo trimestre del 2003, a causa della normalizzazione dei profitti del settore cargo che si sono verificati sul mercato, ma sono comunque stati superiori ai livelli del 2019. 

I costi operativi ricorrenti sono stati pari a EUR 905,2 milioni, registrando un incremento del 7% – pari a EUR 59,1 milioni – rispetto al primo trimestre del 2023. Questa variazione è dovuta principalmente all’aumento dei costi del personale (+ EUR 70,5 milioni, pari al 56,9%) oltre che a nuovi accordi aziendali, compensati da una riduzione dei costi del carburante (- EUR 23,6 milioni, pari all’8,5%) dovuta a un prezzo inferiore del carburante. 

Il CASK complessivo dei costi operativi ricorrenti è aumentato del 3,1%, raggiungendo i 7,30 centesimi di euro rispetto al primo trimestre del 2023. Escludendo i costi del carburante, il CASK dei costi operativi ricorrenti ha raggiunto i 5,26 centesimi di euro, con un aumento del 10,3% rispetto al primo trimestre del 2023 e del 2,8% rispetto al primo trimestre del 2019. L’EBITDA1 ricorrente si è attestato a EUR 83,7 milioni nel Q124, nonostante una riduzione di EUR 36,3 milioni rispetto al Q123. L’EBIT2 ricorrente ha registrato un importo negativo di EUR 43,3 milioni, registrando una riduzione di EUR 33,1 milioni rispetto al Q123. Considerando le voci non ricorrenti, l’EBIT ha raggiunto EUR -57,1 milioni. Rispetto ai livelli pre-crisi, l’EBIT ricorrente e l’EBIT sono aumentati rispettivamente di EUR 55,9 milioni e EUR 44,3 milioni. 

L’utile netto è stato negativo per EUR 71,9 milioni, registrando una riduzione di EUR 14,5 milioni rispetto al Q123. Tuttavia, rispetto al Q119, è migliorato di EUR 34,7 milioni. 

Al 31 marzo 2024, il bilancio mostrava una solida posizione di cassa di EUR 1.133,4 milioni, con un incremento di EUR 344,0 milioni rispetto al 31 dicembre 2023, a seguito dell’esecuzione della seconda tranche dell’aumento di capitale di EUR 343 milioni effettuato dall’azionista il 4 gennaio 2024.

Dal punto di vista operativo, alla fine del primo trimestre, per la stagione estiva, sono state riaperte due destinazioni da Lisbona: Napoli e Porto Santo. Al 31 marzo 2024 la flotta era costituita da 99 aeromobili, vale a dire un aeromobile in più rispetto al 31 dicembre 2023 e con il 68% della flotta operativa di medio e lungo raggio costituita da aeromobili Airbus della Famiglia NEO (rispetto al 67% al 31 marzo 2023 e al 17% al 31 marzo 2019).

Il comunicato stampa completo per il Q124 è disponibile a questo indirizzo