BER Brandeburgo Willy Brandt

L’aeroporto di Berlino si avvia verso l’indipendenza economica

  • 3 mesi fa
  • 3minuti

Era 31 ottobre 2020, quando, dopo numerosi ritardi e rinvii, il nuovo aeroporto di Berlino veniva inaugurato, in piena pandemia di Covid-19, le restrizioni erano in vigore ed era già chiaro, come il piano di rientro dei costi e per raggiungere l’indipendenza economica, doveva essere rivisto, il BER aveva bisogno di liquidità.

Oggi, con una forte ripresa del traffico aereo e come previsto nelle ultime relazioni finanziarie, la FBB, la società di gestione dell’aeroporto di Berlino BER, si avvia verso l’indipendenza finanziaria, come dimostra il rapporto annuale per il 2023, anno in cui è riuscita nuovamente a generare un risultato operativo positivo.

L’EBITDA, il risultato aziendale al lordo di imposte, interessi e ammortamenti, è stato – esclusi gli special item – 124,4 milioni di euro. Per la prima volta è stato più alto rispetto a prima della pandemia. Una base fondamentale è l’aumento del numero di passeggeri nuovamente nel 2023.

L’anno scorso più di 23 milioni di persone hanno viaggiato attraverso l’aeroporto di Berlino-Brandeburgo, oltre tre milioni di passeggeri in più rispetto al 2022.

Nel complesso, la ripresa rispetto al periodo pre-Corona è più lenta che in molti altri aeroporti tedeschi e stranieri. Il traffico interno tedesco al BER ammontava a circa un terzo, il traffico europeo era al 72% a causa dei costi di localizzazione non competitivi in ​​Germania, mentre il traffico intercontinentale era allo stesso livello di prima della pandemia.

Rispetto all’anno precedente, il risultato operativo è aumentato del 15% arrivando a 495,5 milioni di euro, al netto delle vendite immobiliari una tantum, mentre i costi operativi sono rimasti costanti. Nel complesso, la situazione finanziaria di FBB rimane tesa a causa della storia della costruzione dell’aeroporto BER.

Per il 2023 si registra un deficit annuo consolidato di 212,8 milioni di euro e quindi – come previsto – ancora una perdita. Tuttavia, al netto degli utili derivanti dalle vendite immobiliari realizzate nell’anno precedente, la perdita consolidata nell’esercizio 2023 è stata significativamente inferiore di 31,4 milioni di euro rispetto all’esercizio 2022.

Aletta von Massenbach, CEO di Flughafen Berlin Brandenburg GmbH: “Nonostante le sfide complesse, nell’anno finanziario 2023 abbiamo ottenuto un buon risultato, superiore alle aspettative. Ciò significa che FBB continua a muoversi sulla via del consolidamento finanziario. Con l’obiettivo di aumentare il numero di passeggeri e una buona offerta di servizi in futuro, FBB ha lavorato intensamente allo stesso tempo per ottimizzare e sviluppare ulteriormente BER. Continueremo a perseguire con coerenza questa strada anche nel 2024”.

Jörg Simon, presidente del consiglio di sorveglianza della Flughafen Berlin Brandenburg GmbH: “La compagnia aeroportuale ha fatto ottimi progressi nell’ultimo anno finanziario. La riduzione parziale del debito dell’azienda procede secondo i piani. La progressiva ottimizzazione dei processi e delle procedure per i passeggeri sui piazzali, nonché l’attenzione alla sostenibilità e alla protezione del clima sono passi importanti verso un’azienda sostenibile”.