Wizz Air

Wizz Air H1 F23

Tempo di lettura 5 minuti

Wizz Air ha pubblicato i risultati non certificati per i sei mesi al 30 settembre 2022 (H1 F23).

József Váradi, Chief Executive di Wizz Air, ha commentato i risultati: “Wizz Air ha conseguito ottimi risultati nel secondo trimestre dell’anno fiscale, dopo un primo trimestre difficile dal punto di vista operativo. I ricavi nella prima metà dell’anno fiscale sono stati significativamente superiori rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso e sono aumentati del 31% rispetto allo stesso periodo pre-COVID-19.

Per il secondo trimestrecontinua Váradi, “i ricavi sono aumentati del 41% rispetto allo stesso periodo pre-COVID-19. I ricavi per chilometro posto disponibile sono migliorati dal -10% durante il primo trimestre al +11% durante il secondo trimestre, prima della guidance, tutti misurati rispetto ai trimestri pre-COVID-19. Ciò è stato trainato dalla ripresa dei fattori di carico e dal miglioramento dei rendimenti, non più frenati dal COVID-19 o dalla guerra in Ucraina. L’obiettivo di Wizz Air continua ad essere l’approccio combinato di fornire crescita e prezzare l’inflazione dei costi.

L’EBITDA del secondo trimestre è stato fortemente positivo a €374 milioni, portando il primo semestre all’EBITDA totale di €218 milioni (in crescita del 32,5% semestre su semestre), nonostante i venti contrari che abbiamo continuato a riscontrare sulle interruzioni della supply chain e sugli elevati prezzi delle materie prime.

Questa performance conferma che i nostri investimenti di rete e la crescita sostenuta della capacità guidano una forte crescita della top-line.

La nostra posizione di liquidità, tuttavia, non è stata influenzata dai movimenti dei cambi ed è ulteriormente aumentata da giugno, chiudendo il periodo con 1.630 milioni di euro di liquidità totale”.

Commentando gli sviluppi del business, Váradi ha aggiunto:“Molto è stato fatto all’interno del settore dell’aviazione per affrontare le questioni significative che erano una caratteristica all’inizio dell’anno solare 2022. Di conseguenza, le nostre prestazioni operative si sono recentemente normalizzate e ora siamo tornati in linea con i nostri livelli storicamente bassi di cancellazioni e interruzioni dei voli. Questo è importante in quanto ci aiuta a tornare all’eccellenza del servizio clienti su cui il marchio è costruito e orgoglioso, con un conseguente impatto positivo sulla performance finanziaria del business. Siamo orgogliosi di aver stabilito un nuovo record della compagnia operando 859 voli in un solo giorno il 5 settembre 2022 e registrato un traffico record nel periodo da giugno ad agosto, trasportando un totale di 12,9 milioni di passeggeri.

Oltre a normalizzare le operazioni, nel corso del trimestre abbiamo raggiunto traguardi importanti. Abbiamo esercitato i diritti di acquisto esistenti per 75 aeromobili A321neo, bloccando prezzi degli aeromobili altamente competitivi, negoziati prima dell’attuale contesto inflazionistico. Wizz Air beneficia di strutture a tasso di interesse fisso che finanziano il 94% della sua flotta esistente. Abbiamo concordato i termini di finanziamento di 31 aeromobili dall’estate. I nostri processi di gara per il finanziamento degli aeromobili continuano ad essere sottoscritti in eccesso, con un aumento del 15% dei partecipanti al finanziamento rispetto allo scorso anno. Stiamo aggiungendo con successo contratti di leasing denominati in EUR con il 61% dei nuovi contratti ora finanziati in EUR.

Di conseguenza, il programma di flotta di Wizz Air continua a fornire un vantaggio competitivo significativo e strutturalmente integrato sia in termini di efficienza operativa e del carburante, sia in termini di costi di finanziamento.

Nel trimestre abbiamo intrapreso iniziative di espansione in mercati chiave che guideranno ulteriormente la nostra quota di mercato leader nella CEE. A seguito della firma di un protocollo d’intesa con il Ministero degli Investimenti nel Regno dell’Arabia Saudita, Wizz Air ha iniziato a operare la prima di 20 nuove rotte verso Riyadh, Jeddah e Dammam. Inoltre, con la più recente espansione in tutta Italia, Wizz Air è ora la terza compagnia aerea in termini di capacità offerta in vendita nel trimestre di fine dicembre”.

Sul trading attuale e sulle prospettive per l’intero anno, Váradi ha dichiarato: “Mentre ci avviciniamo alla stagione invernale 22/23, ci stiamo preparando a operare una capacità superiore di circa il 35% nella seconda metà rispetto al 2019 (normalizzata per l’impatto COVID-19 a febbraio-marzo 2020).

Oltre a questa capacità aggiuntiva, il nostro trading per il periodo viene fornito con tariffe medie (biglietti combinati e accessori) superiori ai livelli del 2019, ponendo le nostre aspettative RASK a guadagni a una cifra media nel secondo semestre. La nostra strategia di diversificazione nel Golfo vedrà anche più rotte in entrata e in uscita verso il Medio Oriente e ci aspettiamo un moderato contributo contro-stagionale in termini di traffico e ricavi da queste destinazioni.

Mentre il contesto macroeconomico rimane difficile e l’incertezza per i consumatori è aumentata, abbiamo messo in atto misure per mitigare l’impatto sui nostri costi. Prevediamo di continuare a vedere l’effetto stagionale del minore utilizzo sul nostro CASK ex-fuel durante la seconda metà dell’anno, ma siamo sulla buona strada per tornare ai livelli di utilizzo pre-COVID-19 nella primavera del 2023. Come abbiamo annunciato, a partire da aprile 2023, livelleremo anche il campo di gioco sui costi del carburante mentre la Società ritorna alla copertura sistematica del carburante per aerei e dei crediti ETS. Nel frattempo, ci aspettiamo che la continua gestione dei costi porti il CASK ex-fuel in linea con un aumento a una cifra quando si confronta H2 F23 con H2 F20. Mentre permane una certa incertezza durante il periodo invernale in relazione ai costi macroeconomici e di input, la combinazione di un ritorno a livelli comprovati sia di ex-fuel che di fuel CASK nell’aprile 2023 e la continua diversificazione e crescita della nostra rete supportata da piani di espansione della flotta lascia la Società ben posizionata per guidare una crescita redditizia in futuro”.

Risultati in sintesi

H1 F2320222021Variazione
Passeggeri trasportati (milioni)26.512.5112.0%
Ricavi (milioni di euro)2,193.8880.4149.2%
EBITDA (milioni di euro)217.8164.332.5%
Margine EBITDA (%)9.918.7-8.8ppt
Risultato operativo del periodo (milioni di euro)(63.8)(51.9)22.9%
Perdita FX non realizzata(285.2)(16.5)1,628.5%
Perdita reported del periodo (milioni di euro)(384.3)(120.9)217.9%
RASK (centesimo di €)4.483.3832.4%
Botte franco carburante (€ cent)2.622.75-4.7%
Totale cassa (milioni di euro)*1,629.91,378.818.2%
Fattore di carico (%)86.975.311,5 punti percentuali
Dimensioni della flotta di fine periodo16814416.7%
Numero di posti di fine periodo (migliaia)30,48516,58883.8%
* Il numero comparativo è il saldo totale di cassa al 31 marzo 2022. La liquidità totale comprende disponibilità liquide e mezzi equivalenti, depositi in contanti e liquidità vincolata.

I ricavi totali ammontano a 2.193,8 milioni di euro, in crescita del 149,2% rispetto al primo semestre F22:

  • I ricavi dei biglietti passeggeri sono aumentati del 185,7% a 1.182,1 milioni di euro.
  • I ricavi accessori sono aumentati del 116,8% a 1.011,7 milioni di euro.
  • I ricavi unitari totali sono aumentati del 32,4% a 4,48 centesimi di euro per chilometro posto disponibile (ASK).
  • I ricavi dei biglietti per passeggero sono aumentati del 34,7% a 44,6 euro e sono aumentati del 3,1% rispetto all’H1 F20.
  • I ricavi accessori per passeggero sono aumentati del 2,3% a 38,2 euro e sono aumentati del 18,3% rispetto all’F20 H1.

I costi operativi totali sono aumentati del 142,2% a 2.257,6 milioni di euro rispetto al primo semestre F22:

  • I costi unitari totali (inclusi gli oneri finanziari netti) sono aumentati del 26,5% a 4,73 centesimi di euro per ASK.
  • I costi unitari franco carburante sono diminuiti del 4,7% a 2,62 centesimi di euro per ASK.
  • I costi unitari del carburante sono aumentati del 113,6% a 2,11 centesimi di euro per ASK.

La liquidità totale è aumentata del 18,2% da 1.378,8 milioni di euro a 1.629,9 milioni di euro.

L’onere valutario non monetario non realizzato nel primo semestre ammonta a 285,2 milioni di euro (H1 F22: 16,5 milioni di euro). Ciò è dovuto al continuo rafforzamento dell’USD rispetto all’EUR, che ha portato a una rivalutazione delle passività in USD in bilancio.

Aggiornamento della flotta

  • Nei primi sei mesi dell’anno fiscale Wizz Air ha preso in consegna 21 nuovi aeromobili A321neo, mentre ha riconsegnato sei aeromobili A320ceo, chiudendo il secondo trimestre con una flotta totale di 168 aeromobili: 53 x A320ceo, 41 x A321ceo, 6 x A320neo e 68 x A321neo.
  • Gli aeromobili consegnati sono stati finanziati attraverso dodici transazioni di vendita e leaseback e nove transazioni JOLCO.
  • L’età media della flotta è attualmente di 4,6 anni, una delle flotte più giovani di qualsiasi grande compagnia aerea europea, mentre il numero medio di posti per aeromobile è salito a 216 a settembre 2022.
  • La quota di nuovi velivoli di tecnologia “neo” all’interno della flotta di Wizz Air è aumentata al 44% entro la fine dell’H1 F23 e si prevede di superare il 50% entro la fine dell’F23.
  • Per il resto dell’F23 ci aspettiamo 14 nuove consegne di aeromobili A321neo, mentre nove aeromobili A320ceo raggiungeranno la fine del loro leasing e usciranno dalla flotta.
  • In linea con l’ambizione di Wizz Air di diventare una compagnia aerea di 500 aeromobili entro la fine del decennio, il Gruppo ha esercitato i propri diritti di acquisto in relazione a 75 aeromobili A321neo consegnati negli anni solari 2028-29.
  • Al 30 settembre 2022, il portafoglio consegne di Wizz Air comprende un ordine fermo per 13 aeromobili A320neo, 319 A321neo e 47 A321XLR, oltre all’ordine aggiuntivo per 15 aeromobili A321neo, per un totale di 394 aeromobili.