Airbus

Airbus Q2 FY22

Tempo di lettura 5 minuti

Airbus ha riportato i risultati finanziari consolidati per il semestre chiuso al 30 giugno 2022.

Guillaume Faury, amministratore delegato di Airbus: “Airbus ha ottenuto una solida performance finanziaria nel primo semestre 2022 in un ambiente operativo complesso, con la situazione geopolitica ed economica che ha creato ulteriori incertezze per il settore”.

Le sfide della catena di approvvigionamento ci stanno portando ad adeguare le fasi di accelerazione della famiglia A320 nel 2022 e nel 2023 e ora puntiamo a un tasso mensile di 65 all’inizio del 2024. Il nostro obiettivo di consegna degli aeromobili per il 2022 è stato aggiornato di conseguenza. Gli utili e la guida al flusso di cassa libero vengono mantenuti, sostenuti dai dati finanziari H1. I team di Airbus sono impegnati con fornitori e partner per aumentare il tasso di produzione mensile della famiglia A320 di 75 nel 2025, sostenuto dalla forte domanda dei clienti”, ha concluso Guillaume Faury, amministratore delegato di Airbus.

Gli ordini incluse le opzioni di aeromobili commerciali sono aumentati a 442 (primo semestre 2021: 165 aeromobili) con ordini netti di 259 aeromobili dopo le cancellazioni (primo semestre 2021: 38 aeromobili).

Il portafoglio ordini ammontava a 7.046 aeromobili commerciali al 30 giugno 2022. Airbus Helicopters ha prenotato 163 ordini netti (primo semestre 2021: 123 unità), di cui 14 Super Puma Family e nel primo trimestre si è aggiudicata il contratto per il programma di aggiornamento dell’elicottero d’attacco Tiger MkIII.

L’acquisizione di ordini in valore da parte di Airbus Defence and Space è aumentata a € 6,5 miliardi (primo semestre 2021: € 3,5 miliardi), corrispondente a un rapporto book-to-bill di circa 1,3. Gli ordini del secondo trimestre includevano il contratto per la consegna di 20 jet Eurofighter di ultima generazione all’Aeronautica Militare Spagnola.

I ricavi consolidati sono stati pari a € 24,8 miliardi (H1 2021: € 24,6 miliardi). Sono stati consegnati un totale di 297 (1) aeromobili commerciali (H1 2021: 297 aeromobili), di cui 25 A220, 230 A320 Family, 13 A330e 29 A350 (2) . I ricavi generati dalle attività di aeromobili commerciali di Airbus sono rimasti sostanzialmente stabili. Airbus Helicopters ha consegnato 115 unità (primo semestre 2021: 115 unità), con ricavi in ​​aumento del 6% principalmente a causa della crescita dei servizi e di un mix favorevole di programmi. I ricavi di Airbus Defence and Space sono aumentati dell’11%, trainati principalmente dal business degli aeromobili militari e in seguito alla firma del contratto Eurodrone a febbraio. Quattro aerei da trasporto A400M sono stati consegnati nel primo semestre 2022.

EBIT consolidato rettificato : una misura di performance alternativa e un indicatore chiave che cattura il margine aziendale sottostante escludendo gli oneri o i profitti materiali causati da movimenti negli accantonamenti relativi a programmi, ristrutturazioni o impatti sui cambi, nonché plusvalenze/perdite da cessione e acquisizione di aziende – è rimasto sostanzialmente stabile a 2.645 milioni di euro (primo semestre 2021: 2.703 milioni di euro).

L’EBIT rettificato relativo alle attività di aeromobili commerciali di Airbus è rimasto sostanzialmente stabile a 2.276 milioni di euro (primo semestre 2021: 2.291 milioni di euro). Comprendeva l’impatto positivo non ricorrente delle obbligazioni pensionistiche registrato nel primo trimestre, in parte compensato dall’impatto delle sanzioni internazionali contro la Russia che si è ridotto rispetto al primo trimestre 2022 a seguito dei buoni progressi sul remarketing di alcuni aeromobili. L’impatto netto positivo di questi due elementi non ricorrenti è stato ampiamente compensato da un tasso di copertura valutaria meno favorevole rispetto al primo semestre 2021.

Sul programma A320, la produzione sta progredendo verso un tasso di 75 aeromobili al mese nel 2025 come precedentemente comunicato. Date le attuali sfide della catena di approvvigionamento, l’azienda sta adattando la traiettoria di accelerazione e ora punta a un tasso mensile di 65 all’inizio del 2024, circa sei mesi in ritardo rispetto a quanto precedentemente pianificato.

A giugno si è svolto il primo volo dell’A321XLR, che rappresenta un’importante pietra miliare verso l’entrata in servizio del velivolo che dovrebbe avvenire all’inizio del 2024.

Sui velivoli widebody, la Società sta valutando, insieme alla sua catena di fornitura, la fattibilità di ulteriori aumenti delle tariffe per soddisfare la crescente domanda del mercato con la ripresa del trasporto aereo internazionale.

L’EBIT rettificato di Airbus Helicopters è aumentato a € 215 milioni (primo semestre 2021: € 183 milioni), in parte trainato dalla crescita dei servizi e da un mix favorevole di programmi. Riflette anche gli elementi non ricorrenti contabilizzati nel primo trimestre, incluso l’impatto positivo relativo alle obbligazioni pensionistiche.

L’EBIT rettificato di Airbus Defence and Space è diminuito a € 155 milioni (H1 2021: € 229 milioni). Ciò riflette principalmente la svalutazione legata al ritardo del lanciatore Ariane 6, l’impatto dell’aumento dell’inflazione in alcuni contratti a lungo termine nel portafoglio della Divisione e le conseguenze delle sanzioni internazionali, in parte compensate dall’impatto positivo relativo alle obbligazioni pensionistiche contabilizzate nel primo trimestre.

Sul programma A400M, le attività di sviluppo continuano verso il raggiungimento della tabella di marcia rivista per le capacità. Le attività di retrofit proseguono in stretto allineamento con il cliente. Nel secondo trimestre 2022 è stato registrato un onere di 0,2 miliardi di euro, che riflette principalmente le ipotesi di inflazione aggiornate sul contratto di lancio. Permangono rischi sulla qualificazione delle capacità tecniche e dei costi associati, sull’affidabilità operativa dell’aeromobile, sulla riduzione dei costi e sull’assicurazione degli ordini di esportazione in tempo come da baseline rivista.

Le spese di R&S autofinanziate consolidate sono state pari a € 1.256 milioni (primo semestre 2021: € 1.262 milioni).

EBIT consolidato(rilevato) ammontava a € 2.579 milioni (primo semestre 2021: € 2.727 milioni), comprensivo di rettifiche nette per € -66 milioni. 

Tali adeguamenti comprendevano: 

  • +226 milioni di euro relativi al disallineamento dei pagamenti pre-consegna in dollari e alla rivalutazione del bilancio, di cui +36 milioni di euro nel secondo trimestre;
  • € -218 milioni relativi al programma A400M, di cui € -217 milioni nel secondo trimestre;
  • € -33 milioni relativi alla trasformazione delle Aerostrutture in Francia e Germania, di cui € -26 milioni nel secondo trimestre;
  • -7 milioni di euro relativi al programma A380, di cui +4 milioni di euro nel secondo trimestre;
  • € -34 milioni di altri costi comprensivi di compliance, di cui € -29 milioni nel secondo trimestre.

Il risultato finanziario è stato di 107 milioni di euro (primo semestre 2021: -30 milioni di euro). Riflette principalmente l’impatto netto positivo della rivalutazione di alcune partecipazioni, parzialmente compensato dalla rivalutazione di strumenti finanziari, nonché il risultato netto di interesse pari a € -136 milioni. L’ utile netto consolidato (3) è stato di € 1.901 milioni (primo semestre 2021: € 2.231 milioni) con un utile per azione consolidato riportato di € 2,42 (primo semestre 2021: € 2,84).

Il free cash flow consolidato prima di fusioni e acquisizioni e finanziamento dei clienti è stato di € 1.955 milioni (primo semestre 2021: € 2.051 milioni), riflettendo l’utile convertito in cassa. Comprendeva anche una tempistica favorevole per incassi e pagamenti in parte compensata da un aumento delle scorte. Il free cash flow consolidato è stato di 1.646 milioni di euro (primo semestre 2021: 2.012 milioni di euro). Il dividendo 2021 di € 1,50 per azione, pari a € 1,2 miliardi, è stato pagato nel secondo trimestre 2022 mentre i contributi pensionistici ammontavano a € 0,4 miliardi nel primo semestre 2022. Al 30 giugno 2022 la posizione di cassa lorda si attestava a € 21,6 miliardi (fine anno 2021: € 22,7 miliardi) con una posizione di cassa netta consolidata (4) di € 7,2 miliardi (fine anno 2021: € 7,7 miliardi).  

La posizione di liquidità rimane solida, attestandosi a fine giugno 2022 a 27,6 miliardi di euro. Nel mese di giugno la Società ha riacquistato una quota delle sue obbligazioni con scadenza tra il 2024 e il 2028 per un importo complessivo di 1 miliardo di euro al fine di ridurre la posizione debitoria lorda, ottimizzare il bilancio e ritrovare flessibilità finanziaria. Nel mese di luglio la liquidità è stata ulteriormente migliorata attraverso il potenziamento della Revolving Syndicated Credit Facility non utilizzata da € 6 miliardi a € 8 miliardi, mentre la durata è stata aumentata a 5 anni con 2 opzioni di estensione di 1 anno. Il pricing di questo strumento ha beneficiato del miglioramento delle condizioni del mercato dei prestiti e continua ad essere legato a criteri di sostenibilità. 

Veduta

Come base per le sue linee guida per il 2022, la Società non presume ulteriori interruzioni dell’economia mondiale, del traffico aereo, delle operazioni interne della Società e della sua capacità di fornire prodotti e servizi.

Le linee guida della Società per il 2022 sono prima di fusioni e acquisizioni.

Su tale base,

  • La Società ora punta a consegnare circa 700 aeromobili commerciali nel 2022.
  • La Società mantiene il suo obiettivo di circa € 5,5 miliardi di EBIT Adjusted e circa € 3,5 miliardi di Free Cash Flow prima di M&A e Customer Financing nel 2022.
     

Altri dati qui