Boeing

Dipartimento dei trasporti USA: Audit supervisione FAA a Boeing

Tempo di lettura < 1 minuto

L’ufficio dell’ispettore generale del Dipartimento dei trasporti degli Stati Uniti ha richiesto un Audit sull’attività di supervisione della Federal Aviation Administration (FAA) sulla produzione di Boeing 737 e 787.

Il senato degli Stati Uniti, in un rapporto di dicembre 2021, affermava che la FAA dovesse svolgere un lavoro “migliore” supervisionando Boeing e la certificazione di nuovi aerei, mettendo in dubbio l’operato della stessa FAA: “Il processo di certificazione della FAA subisce un’indebita pressione sugli ingegneri di linea e sul personale di produzione“, afferma il rapporto.

Il watchdog ha affermato che avrebbe riesaminato i processi della FAA per “identificare e risolvere” i problemi di produzione e “affrontare le accuse di indebita pressione all’interno dell’ambiente di produzione”.

L’Office of Inspector General (OIG) ha affermato che dal 2019 “sono state sollevate numerose preoccupazioni riguardo alla produzione dei Boeing 737 e 787, le due linee di produzione con il maggior numero di aeromobili ordinati”, la FAA aveva imposto ispezioni su alcuni velivoli 787 precedentemente consegnati a causa di segnalazioni di requisiti mancati durante l’assemblaggio.

I massimi legislatori democratici e repubblicani del Comitato per i trasporti e della sottocommissione per l’aviazione a novembre hanno chiesto alla OIG di condurre una revisione della supervisione della FAA sulla produzione del Boeing 787.

Il presidente della commissione per i trasporti della Camera Peter DeFazio e il presidente della sottocommissione per l’aviazione Rick Larsen hanno affermato in una dichiarazione mercoledì sera che l’audit “dovrebbe essere completo e spietato per aiutare a prevenire il ripetersi di problemi di sicurezza precedentemente identificati dalla FAA e per garantire la produzione e la produzione di aeromobili sicuri”.