Airbus

Airbus e Linde collaboreranno per l’infrastruttura dell’idrogeno negli aeroporti

Tempo di lettura 2 minuti

Airbus e Linde, una delle principali società di ingegneria e gas industriali a livello mondiale, hanno firmato un Memorandum of Understanding (MoU) per lo sviluppo delle infrastrutture dell’idrogeno negli aeroporti di tutto il mondo.

L’accordo copre la collaborazione sulle catene di approvvigionamento globali dell’idrogeno, dalla produzione allo stoccaggio aeroportuale, inclusa l’integrazione del rifornimento nelle normali operazioni di assistenza a terra.

Entrambe le società definiranno e avvieranno progetti pilota in diversi aeroporti dall’inizio del 2023 in poi.

Inoltre, Airbus e Linde analizzeranno il potenziale dei combustibili Power-to-Liquid, un tipo di combustibile per aviazione sostenibile (SAF) ottenuto dall’idrocarburo liquido prodotto sinteticamente attraverso la conversione di elettricità rinnovabile.

“Stiamo procedendo bene con l’idrogeno come importante percorso tecnologico per realizzare la nostra ambizione di immettere sul mercato un aereo commerciale a emissioni zero entro il 2035. La costruzione dell’infrastruttura è altrettanto cruciale. Ecco perché stiamo lavorando a stretto contatto con partner come Linde, che hanno decenni di esperienza e competenza in tutto il mondo nello stoccaggio e nella distribuzione di idrogeno“, ha affermato Sabine Klauke, Chief Technical Officer, Airbus.

Sabine Klauke, Chief Technical Officer, Airbus e Philippe Peccard, Vice President Clean Energy, Linde

“Siamo lieti di espandere la nostra collaborazione di successo con Airbus a livello globale“, ha affermato Philippe Peccard, Vice President Clean Energy, Linde. Sfruttando le competenze di entrambe le società, siamo ben posizionati per collaborare con aeroporti e autorità governative nello sviluppo di concetti praticabili per hub aeroportuali sostenibili basati sull’idrogeno”.

Si prevede che l’uso dell’idrogeno per alimentare i futuri velivoli non solo ridurrà significativamente le emissioni degli aeromobili nell’aria, ma potrebbe anche aiutare a decarbonizzare le attività di trasporto aereo a terra. Nel 2020 Airbus ha lanciato il programma “Hydrogen Hub at Airports” per avviare la ricerca sui requisiti infrastrutturali e sulle operazioni aeroportuali a basse emissioni di carbonio, lungo l’intera catena del valore.

Ad oggi sono stati firmati accordi con partner e aeroporti in Francia, Italia, Corea del Sud, Giappone e Singapore.

Il primo concept di velivolo ZEROe è stato presentato nel 2020 e lo sviluppo dei corrispondenti mattoni tecnologici è ora in corso in una rete globale di ricerca e sviluppo incentrata sullo sviluppo della tecnologia a idrogeno per i futuri velivoli commerciali.