IAG

IAG Q1 2022

Tempo di lettura 3 minuti

IAG ha presentato oggi (6 maggio 2022) i risultati consolidati del Gruppo per il primo trimestre 2022.

Si prevede che la forte domanda guiderà la redditività dal secondo trimestre in poi, la capacità nel Q1 era il 65% della capacità del 2019, rispetto al 58% del Q4 2021, Il continuo allentamento delle restrizioni di viaggio imposte dal governo, in particolare nel Regno Unito, ha portato ad una crescita della domanda, anche per IAG nessun impatto evidente dalla guerra in Ucraina.

Nel primo trimestre si è assistito ad una forte ripresa dei viaggi d’affari, con il tempo libero premium che è rimasto forte, l’impatto di Omicron ha avuto un impatto negativo a breve termine a gennaio e febbraio sul risultato operativo, passeggeri prenotazioni e cancellazioni.

A seguito della recente revoca delle restrizioni di viaggio e del forte aumento della capacità, British Airways si sta concentrando sul miglioramento delle operazioni e dell’esperienza del cliente, inclusa la moderazione della capacità pianificata a Heathrow.

Gli attuali piani di capacità passeggeri per il resto del 2022 riguardano circa l’80% della capacità del 2019 nel secondo trimestre, l’85% nel Q3 e 90% nel Q4, media per l’intero anno circa l’80% del 2019, con il Nord Atlantico quasi al completo entro il Q3.

Risultati

Perdita operativa del primo trimestre 731 milioni di euro (2021 rideterminato1: perdita operativa di 1.077 milioni di euro) e perdita operativa prima degli elementi eccezionali 754 milioni di euro (2021 rideterminato1: perdita operativa prima degli elementi eccezionali di 1.144 milioni di euro)

Perdita al netto delle imposte ed elementi eccezionali del primo trimestre 787 milioni di euro (2021 rideterminato1: perdita di 1.074 milioni di euro) e perdita al netto delle imposte prima degli elementi eccezionali 810 milioni di euro (2021 rideterminato1: perdita di 1.131 milioni di euro).

La liquidità era pari a 8.184 milioni di euro al 31 marzo 2022, in aumento di 241 milioni di euro rispetto al 31 dicembre 2021, con un lavoro significativamente positivo capitale, guidato dalle prenotazioni per il resto dell’anno. La liquidità è stata influenzata dalla tempistica del finanziamento degli aeromobili rispetto alle consegne, con il finanziamento di cinque aeromobili Iberia che sono stati consegnati e pagati nel Q1 per essere utilizzati nel Q2.

Le facilitazioni di finanziamento generale e aereo impegnate e non utilizzate sono aumentate a 4.176 milioni di euro (31 dicembre 2021:4.043 milioni di euro), inclusa una linea di prestito aggiuntiva di 200 milioni di euro per Aer Lingus dall’Irlanda Strategic Investment Fondo (ISIF), portando la liquidità totale a 12.360 milioni di euro (31 dicembre 2021: 11.986 milioni di euro)

Luis Gallego, amministratore delegato di IAG, ha dichiarato: “La domanda è in forte ripresa in linea con le nostre precedenti aspettative. Prevediamo di essere redditizia dal secondo trimestre in poi e per l’intero anno. Il tempo libero premium continua a essere il segmento più performante e i viaggi d’affari sono ai massimi livelli dall’inizio della pandemia. A causa della crescente domanda, le prenotazioni a termine rimangono incoraggianti. Prevediamo di raggiungere l’80% della capacità del 2019 in il secondo trimestre e l’85% nel terzo trimestre. La capacità del Nord Atlantico sarà quasi completamente ripristinata nel terzo trimestre. La perdita operativa del Gruppo si è ridotta in modo significativo nel primo trimestre rispetto allo scorso anno, con le nostre perdite che si riflettono nella normalità stagionalità, l’impatto di Omicron e i costi associati all’accelerazione delle operazioni. A livello globale, l’industria dei viaggi sta affrontando sfide a causa del più grande aumento delle operazioni nella storia e il Regno Unito non fa eccezione. La gradita rimozione del rigido viaggio del Regno Unito combinate con una forte domanda repressa, hanno contribuito a un forte aumento della capacità. L’obiettivo della compagnia aerea al momento è migliorare le operazioni e i clienti esperienza e migliorare la resilienza operativa. Siamo orgogliosi che la nostra leadership nella lotta ai cambiamenti climatici continui a essere riconosciuta a livello globale. La transizione Pathway Initiative (TPI) ci ha assegnato il punteggio più alto per le prestazioni di carbonio. Ha valutato IAG nel 3% più alto di quasi 500 imprese per il suo allineamento agli obiettivi scientifici”.

Outlook

IAG prevede che il suo risultato operativo sarà redditizio dal secondo trimestre, portando sia l’utile operativo che i flussi di cassa netti attività operative positive per l’anno.

1 I risultati 2021 sono stati rideterminati per il trattamento delle spese di amministrazione legate alla pensione a benefici definiti di Gruppo regimi, che hanno aumentato la perdita operativa e la perdita al netto delle imposte per i tre mesi fino al 31 marzo 2021 di 9 milioni di euro e 7 milioni di euro, rispettivamente. Ulteriori informazioni sono fornite nella relazione annuale e nei conti IAG 2021.