SAS

SAS, nessun progresso nelle trattative con i piloti

Tempo di lettura < 1 minuto

Nell’ultimo incontro con i rappresentati della compagnia scandinava SAS, i sindacati hanno lasciato il tavolo, non convinti del piano di SAS.

La proposta di SAS per una modifica del contratto, rientra nel piano a lungo termine “SAS FORWARD” per ridurre i costi di 7,5 miliardi, totale di tutte le voci di costo.

Gli ultimi due anni hanno posto a SAS e a tutto il settore aereo delle sfide e uno scenario mutato su cui competere, SAS aveva già avviato un processo di ristrutturazione, per soddisfare questa nuova realtà, SAS ha presentato un piano a lungo termine “SAS FORWARD” con 7,5 miliardi di corone svedesi di risparmi sui costi per garantire la competitività. Il successo di SAS FORWARD si basa sulla partecipazione di tutte le parti interessate, inclusi tutti i gruppi di dipendenti.

“Pertanto, è preoccupante” si legge in una nota diffusa da SAS,” che i sindacati pilota dopo il secondo giorno di trattative abbiano scelto di uscire dalla sala delle trattative. In questo modo, mettono in gioco l’intera azienda, compresi i lavori e le carriere di migliaia di colleghi.

SAS si trova in una situazione più grave che mai, ma dobbiamo ai nostri finanziatori, proprietari, dipendenti e non ultimi ai nostri clienti, oltre ai contribuenti danesi e svedesi, assicurarsi un posto per SAS nel mercato futuro. Possiamo farlo solo andando avanti con un piano che garantisca un futuro SAS competitivo.

Abbiamo un viaggio difficile davanti a noi, ma crediamo fermamente che il piano SAS FORWARD sia la strada giusta per fornirci una solida piattaforma finanziaria che garantirà una SAS forte, competitiva e sostenibile per molti anni a venire.”