TUI

TUI Q1: ricavi quintuplicati, S22 crescita prezzi 22%

Tempo di lettura 3 minuti

I ricavi nel Q1 2022 di TUI in crescita a 2,37 miliardi di euro, cinque volte superiori rispetto al 2021 (1° trimestre 2021: 468 milioni di euro), per la summer 2022 i prezzi sono in aumento di circa il 22%, prenotazioni ai livelli del 2019.

Anche le perdite si riducono di conseguenza con un EBIT a -274 milioni di euro (anno precedente: -676 milioni di euro), positiva la divisione hotel del gruppo con 61 milioni di euro: secondo risultato trimestrale positivo consecutivo (1° trimestre 2021: -96 milioni di euro).

Winter 2022 – Fatturato e risultati del primo trimestre

L’attività turistica in corso e la coerente attuazione del riallineamento avviato, hanno ridotto significativamente la consueta perdita stagionale nel primo trimestre finanziario a -274 milioni di euro (anno precedente: -676 milioni di euro). 

Allo stesso tempo, i ricavi sono quintuplicati rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente e hanno raggiunto i 2,37 miliardi di euro, rispetto ai 468 milioni di euro del primo trimestre del 2021.

Il segmento Hotels & Resort ha registrato il secondo risultato operativo positivo (sottostante EBIT) dall’inizio della pandemia nei mesi da ottobre a dicembre 2021 a 61 milioni di euro (anno precedente: -96 milioni di euro). La tariffa media della camera è aumentata di 12 euro anno su anno a 72 euro.

Nel settore delle crociere, 14 delle 16 navi erano in servizio nel periodo di riferimento (anno precedente: 5 su 15). Di conseguenza, i giorni passeggeri sono quadruplicati a 1,0 milioni. L’EBIT sottostante del segmento è migliorato a -32 milioni di euro (anno precedente: -98 milioni di euro). TUI Musement ha anche ridotto la sua perdita trimestrale stagionale, con un EBIT sottostante a -13 milioni di euro (anno precedente: -33 milioni di euro). Il numero di tour, escursioni e attività vendute si è moltiplicato per un totale di 1,1 milioni. Il numero dei trasferimenti è quasi triplicato a 3,3 milioni.

Per l’inverno 2021/22, TUI prevede di raggiungere un livello dal 60 all’80% delle capacità pre-pandemia. Finora, circa 2,3 milioni di ospiti hanno viaggiato con TUI nel primo trimestre invernale. Con un +15% , i prezzi medi raggiunti sono nettamente superiori rispetto all’inverno 2018/19.

Forte posizione di liquidità

Grazie alla ripresa del business turistico e alla coerente attuazione della trasformazione e riallineamento del Gruppo, TUI mantiene una forte posizione di liquidità anche nel trimestre invernale, tipicamente più debole per il settore. 

Al 4 febbraio 2022, TUI disponeva di disponibilità liquide e mezzi equivalenti per 3,3 miliardi di euro. Con il successo del secondo aumento di capitale di 1,1 miliardi di euro, il patrimonio netto di TUI AG1 è migliorato da 3,0 miliardi a oltre 4 miliardi di euro su base pro-forma. Positivo, inoltre, il patrimonio netto del Gruppo TUI con 0,4 miliardi di euro.

Tutte le misure per il programma di efficienza implementate – obiettivo di risparmio raggiunto intorno al 90% nel 2022.

Il tempo della pandemia è stato utilizzato per trasformare la TUI. Tutte le misure del programma di efficienza avviato nel 2020 sono già state attuate. Nell’anno finanziario 2022, circa il 90 per cento dell’obiettivo di riduzione dei costi si rifletterà già negli utili. Il programma prevede un risparmio annuo di 400 milioni di euro dal 2023 in poi.

Restituzione di circa 0,7 miliardi di euro di aiuti di Stato

In primavera (1 aprile 2022), il Gruppo prevede di restituire circa 0,7 miliardi di euro di aiuti di Stato come primo passo.

Andamento delle prenotazioni Estate 2022: domanda molto alta per le vacanze – i vacanzieri spendono di più per viaggiare: Prezzi medi +22 per cento (estate) e +15 per cento (inverno).

Si evidenzia una dinamica di prenotazione molto forte per l’estate 2022. Solo a fine novembre e dicembre si è verificato uno smorzatore a breve termine dovuto alla variante Omicron, che all’epoca non era stata ancora studiata in modo conclusivo. Attualmente, è ancora evidente una tendenza verso le prenotazioni a breve termine, ma la fiducia nei progressi per porre fine alla pandemia è in aumento e le prenotazioni per le vacanze stanno aumentando in modo significativo.

Al 30 gennaio, ben 3,5 milioni di clienti TUI avevano prenotato un viaggio per l’estate 2022.

Si tratta di circa il 72% del livello dell’estate 2019, tuttavia, le nuove prenotazioni ora superano il 100% del livello dell’estate 2019, quindi il Gruppo prevede che l’estate 2022 sarà vicina al livello pre-crisi.

Come l’anno precedente, le persone prenotano un servizio superiore e pianificano un budget più alto per le vacanze estive. 

I prezzi medi sono ulteriormente in aumento rispetto all’anno precedente a +22 per cento. Le ragioni di ciò sono soprattutto l’aumento della domanda di pacchetti vacanze, nonché offerte di valore superiore e più servizi aggiuntivi, ad esempio upgrade nella categoria dell’hotel o della camera. 

Fritz Joussen, CEO di TUI Group:Ci aspettiamo un’estate 2022 forte. C’è una domanda repressa tra i clienti. Lo vediamo in tutti i mercati europei di origine. Gli ultimi due trimestri finanziari hanno dimostrato che il Gruppo continua a stabilizzarsi. Ogni passo verso la normalità dà fiducia alle persone e la domanda di vacanze aumenta immediatamente. Nonostante la tendenza ancora in corso verso prenotazioni a brevissimo termine, vediamo la forte domanda per la prossima estate 2022″.