EuroControl

EUROCONTROL: impatto del Covid-19 nel 2021 e prospettive 2022

Tempo di lettura 2 minuti

EUROCONTROL ha fornito una sintesi di tutti gli indicatori chiave per l’aviazione europea nel 2021 e le aspettative su come continuerà la ripresa nel 2022.

Si segnala una ripresa del traffico parziale ma sostanzialmente sostenuta in Europa. Il traffico ha iniziato l’anno al 36% dei livelli del 2019 a gennaio, ma ha recuperato solidamente durante l’estate grazie alle vaccinazioni di massa e al certificato digitale COVID dell’UE a circa il 70%, raggiungendo il massimo in due anni il 27 agosto 2021 di 26.773 voli.

I voli estivi si sono protratti fino all’autunno con un traffico in aumento all’81% a fine ottobre, nonostante Omicron e ulteriori requisiti di salute e sicurezza per molte destinazioni, a dicembre il traffico è stato pari al 78% dei livelli del 2019.

Complessivamente, il traffico annuale attraverso la rete aerea europea ha raggiunto il 56% dei livelli del 2019.

EUROCONTROL prevede che questa crescita non si ridurrà nel 2022, con il traffico ancora sulla buona strada per riprendersi entro la fine del 2022 al 70-90% dei livelli del 2019, anche se in questo momento l’evoluzione della pandemia sta spingendo il traffico molto più vicino alle previsioni di base, non quelle più ottimistiche.

Tuttavia, gli impatti finanziari e sociologici rimangono enormi, la situazione è di poco migliore rispetto al 2020, si stims che circa 1,5 miliardi di passeggeri in meno, sulla base delle stime ACI, abbiano volato dagli aeroporti europei nel 2021 rispetto al 2019, solo marginalmente meglio della perdita di 1,7 miliardi del 2020 e con solo il 55% circa della scelta di voli pre-pandemia in tutta Europa.

In totale, ci sono stati 4,9 milioni di voli in meno sulla rete EUROCONTROL nel 2021 rispetto al 2019, rispetto ai 6,1 milioni in meno nel 2020.

Il 2021 ha registrato perdite di 18,5 miliardi di euro per le compagnie aeree europee, rispetto ai 22,2 miliardi di euro dell’anno scorso.

Per Eamonn Brennan, Direttore Generale di EUROCONTROL, “in questo momento la situazione rimane enormemente difficile. Il traffico può attualmente attestarsi al 78% dei livelli del 2019, ma l’evolversi della situazione Omicron sta spingendo molte delle principali compagnie aeree europee a ridurre la capacità a gennaio fino al 30% e, parallelamente, stiamo iniziando a vedere alcuni voli cancellati a causa di COVID- 19 esposizione tra i membri dell’equipaggio. Tuttavia, rimango fiducioso che il 2022 si baserà sulla resilienza mostrata dall’aviazione nel 2021 a una crisi che aveva paralizzato le economie l’anno prima. Non appena la situazione migliorerà, prevediamo una rapida ripresa che avvicinerà molto l’aviazione europea ai livelli di traffico del 2019. Allo stesso tempo, quest’anno tutti gli attori devono accelerare con urgenza i loro piani per rendere l’aviazione sostenibile, costruendo indietro in modo sostenibile con importanti investimenti in nuove soluzioni tecnologiche”