A4E

ACI e A4E: le restrizioni sono inutili e inefficaci

Tempo di lettura 2 minuti

Gli aeroporti e le compagnie aeree chiedono di fermare le restrizioni di viaggio inutili e inefficaci, fanno appello ai governi e alla Commissione Europea, invitano i governi a seguire le linee guida dell’ECDC

Diversi paesi, tra cui: Francia, Grecia, Italia e Regno Unito, hanno reintrodotto restrizioni di viaggio per i viaggiatori vaccinati in risposta ai maggiori rischi per la salute pubblica relativi alla variante Omicron. Gli aeroporti e le compagnie aeree hanno esortato i governi di tutta Europa a seguire le linee guida più recenti dell’ECDC e ad agire per abrogare le restrizioni di viaggio recentemente imposte relative a Omicron dove sono già presenti le trasmissioni comunitarie.

La nuova guida dell’ECDC chiede un’azione urgente e forte per rallentare la diffusione della variante Omicron e quindi alleviare la pressione sui sistemi sanitari e proteggere i più vulnerabili.

Tuttavia spiegano ACI Europe ed Airlines 4 Europe, “con la variante Omicron ora presente in tutta Europa e le infezioni causate principalmente da trasmissioni comunitarie piuttosto che da casi legati ai viaggi, l’ECDC riconosce che tale azione non deve più comportare restrizioni di viaggio. I governi dovrebbero ora concentrarsi sul rafforzamento di una serie di misure volte a limitare direttamente le trasmissioni locali, tra cui evitare grandi assembramenti pubblici o privati, utilizzare maschere per il viso, ridurre i contatti sociali, insieme a test estesi, tracciabilità dei contatti e aumento delle vaccinazioni.

ACI EUROPE e A4E hanno anche avvertito che la recente proliferazione delle restrizioni ai viaggi mette a rischio il Certificato Digital Covid (DCC) dell’UE, erodendo la sua stessa ” ragion d’essere “. Occorre garantire un coordinamento e una coerenza efficaci non solo all’interno dell’UE, ma a livello paneuropeo.

Olivier Jankovec, direttore generale di ACI EUROPE e Thomas Reynaert, amministratore delegato di Airlines for Europe (A4E) hanno commentato congiuntamente: ” L’ECDC è sempre stato chiaro che le restrizioni di viaggio possono solo ritardare l’introduzione di nuove varianti e che una volta che una nuova variante è presente in tutta Europa e nella trasmissione comunitaria, non servono più a nessuno scopo. Questo è esattamente il punto che stiamo raggiungendo con Omicron. Il mantenimento dei requisiti di test e quarantena per i viaggiatori vaccinati porterà solo difficoltà ai mezzi di sussistenza e alle economie di coloro che sono colpiti e dipendono dal settore dei viaggi. Non vi è più alcun corrispondente beneficio per la sicurezza sanitaria. Le risposte ist