easyJet

easyJet, i dipendenti: licenziamenti e riallocazione

Tempo di lettura 2 minuti

Nonostante le sfide del Covid-19 e la conseguente ristrutturazione, easyJet nel Regno Unito vanta ancora una solida reputazione come datore di lavoro preferito, è in Europa che i licenziamenti e la riallocazione del personale, ha creato qualche problema. 

Di ieri la notizia che sono stati confermati i transfer di parte del personale della base di VCE a MXP. la base di Venezia ha subito un ridimensionamento strutturale, ci saranno la metà degli aerei rispetto al pre-pandemia (da 6-7 a 2-3), la base sarà a tutti gli effetti dimezzata; in Germania sono stati numerosi i licenziamenti sia lo scorso anno che nel 2021, in Francia è stato invece possibile raggiungere un accordo con lo stato per un contratto di solidarietà che ha evitato i licenziamenti.

L’alto livello delle nostre persone è una fonte chiave di differenziazione per easyJet rispetto ai nostri concorrenti, ” scrive easyJet nella nota a corredo dei risultati del FY21, “guidando il CSAT e la fedeltà dei clienti. La nostra solida reputazione come datore di lavoro attrae e mantiene il personale impegnato, con lo spirito di fornire un servizio eccellente. La nostra valutazione Glassdoor sulla soddisfazione dei dipendenti è 4,2 (su 5,0), che è la più alta nel settore dei viaggi e dell’ospitalità, a dimostrazione della nostra posizione di leader nel mercato del lavoro. 

L’anno fiscale 21 ha avuto un impatto significativo “su tutta la nostra forza lavoro e la pandemia ha cambiato il modo in cui supportiamo le nostre persone.

Alcuni dei principali cambiamenti e successi ottenuti includono:

easyJet ha lavorato in modo costruttivo, anche se bisogna ammettere che la fase iniziale voleva essere a senso unico, come ammettono i sindacati, nelle successive sedute invece, easyJet si è resa più disponibile alla contrattazione, il fine evitare licenziamenti obbligatori nella maggior parte dei mercati.

  • sono state apportate modifiche per dimensionare correttamente gli equipaggi, avendo implementato accordi per migliorare la stagionalità, ridurre i costi dell’equipaggio (ad es. attraverso modifiche ai contratti e blocchi delle retribuzioni) e migliorare la produttività in tutta la rete. “Sebbene abbiamo protetto posti di lavoro in cui vediamo una crescita futura ed evitato costosi costi di licenziamento obbligatorio nella maggior parte dei mercati, i cambiamenti apportati continueranno a supportare la nostra attenzione alla produttività in futuro.
  • easyJet ha lavorato con i governi locali e i partner sindacali per rivendicare £ 134 milioni in congedo di sostegno.
  • Crescita prioritaria in Spagna e Portogallo “per offrire opportunità di trasferimento alle nostre persone che sono a rischio in altre aree geografiche”, trasferimenti è giusto dirlo, che convengono anche a easyJet in termini di costi.

Offrire lavoro ibrido in modo sicuro e protetto.

  • Attuazione di standard e iniziative di biosicurezza da allineare con quelli implementati per i nostri clienti e garantire un ambiente di lavoro sicuro per tutti.
  • Implementato con successo il nuovo modello di lavoro ibrido nella rete. L’84% dei dipendenti interessati si sente positivo riguardo al nostro approccio al lavoro ibrido. 
  • Impostare una piattaforma per una migliore esperienza dei dipendenti e migliorare il benessere e supporto
  • Intraprese più campagne “You Matter” per supportare il benessere delle nostre persone in tutta la rete.
  • Implementato e aggiornato una serie di politiche fondamentali per l’occupazione, ad esempio bullismo e molestie, benessere e assenza, oltre a fornire formazione per i manager del personale su queste politiche.
  • Completato il progetto sui salari (HR Evolution) offrendo un’accuratezza della retribuzione del 98% in tutta la rete. 

Nota importante: il testo in “virgolettato” è parte della nota dei risultati del FY21 di easyJet, diffusa il 30 novembre 2021.