sustainable aviation

Volotea partecipa al programma di compensazione di Vinci Airport

Tempo di lettura 2 minuti

VINCI Airports ha annunciato ad inizio estate la sua prima iniziativa carbon sink degli aeroporti di Lione, in collaborazione con il dipartimento del Rodano e l’Ufficio nazionale delle foreste francesi, progetto a cui oggi ha aderito anche Volotea e che verrà ampliato ad altre zone della Francia.

Il primo carbon sink, è un programma di riforestazione locale che assorbirà le emissioni residue degli aeroporti di Lyon-Saint Exupéry e Lyon-Bron, gestiti da VINCI Airports dal 2016.

Nicolas Notebaert, CEO di VINCI Concessions e Presidente di VINCI Airports e Christophe Guilloteau, presidente del dipartimento del Rodano

Il primo progetto di questo programma, condotto in collaborazione con l’Ufficio nazionale delle foreste francesi e il Consiglio dipartimentale del Rodano, si trova a circa 30 chilometri dall’aeroporto di Lione-Saint Exupéry, una delle basi di Volotea,nella foresta di Cantinière

Consiste nel ripristino, rimboschimento, mantenimento e gestione di un appezzamento di terreno di 3,6 ettari con specie localmente resilienti selezionate per la loro forte capacità di adattamento allo stress idrico e di assorbimento di CO2. Questo primo progetto di carbon sink forestale catturerà più di 500 tonnellate di CO2 durante il periodo di crescita delle piante grazie alla fotosintesi e mira a ottenere la certificazione Low Carbon Label.

Verranno sviluppati altri progetti simili nell’ambito di un accordo quadro quinquennale con il dipartimento del Rodano, VINCI Airports creerà una rete di pozzi forestali nella regione del Rodano che compenserà il 100% delle emissioni residue degli aeroporti di Lione. 

Lione-Saint Exupéry diventerà il primo aeroporto francese a raggiungere “emissioni nette zero” entro il 2026.

A sostegno delle numerose azioni di decarbonizzazione in corso, questo programma consentirà all’aeroporto di Lione-Saint Exupéry di diventare il primo aeroporto di aviazione commerciale in Francia a raggiungere “emissioni nette zero” entro il 2026.

Gli aeroporti gestiti da VINCI hanno aperto queste iniziative anche alle compagnie aeree, Volotea ha annunciato oggi la sua adesione, l’adesione delle compagnie aeree rientra nell’ambito della legge francese sul clima e la resilienza, che richiederà il risarcimento dei voli nazionali a partire dal 1° gennaio 2022 – e quindi alle compagnie o ai passeggeri sui voli internazionali.

VINCI Airports ha scelto di agire a livello locale, con un impatto positivo sull’area di influenza immediata degli aeroporti di Lione. In qualità di partner a lungo termine delle autorità locali di Rhône-Alpes, VINCI Airports sostiene così lo sviluppo del settore forestale come leva dello sviluppo economico regionale.

Nella foto copertina il nuovo Terminal 1 dell’aeroporto di Lione-Saint Exupéry

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017