Iberia

Iberia e Repsol effettuano il primo volo con biocarburante

Tempo di lettura 4 minuti

Repsol e Iberia hanno completato la tratta Madrid – Bilbao con sostenibile (SAF) prodotto da rifiuti dalla raffineria Petronor, il volo è stato operato con l’Airbus A320neo, uno degli aeromobili più efficienti della compagnia spagnola.

In questa operazione, Iberia e Repsol hanno avuto la collaborazione di Aena, che lavora in collaborazione con i diversi agenti per promuovere la decarbonizzazione globale del settore e sostiene questa iniziativa lavorando anche su progetti collaborativi per promuovere la produzione di carburante sostenibile, con l’obiettivo consiste nell’incoraggiarne l’uso da parte delle compagnie aeree.

L’Airbus A320neo ha una configurazione di 180 posti, equipaggiato con motori di tipo CFM Leap-1ª, gli A320neo di Iberia sono il 50% più silenziosi e più rispettosi dell’ambiente, poiché emettono 5.000 tonnellate di CO2 in meno all’anno e il 50% in meno di NOx, rispetto al modello A320ceo. 

Da sinistra  a sinistra: Ana Salazar, Responsabile della Divisione Sostenibilità di Aena;  Teresa Parejo, Direttore della Sostenibilità di Iberia;  e Berta Cabello, Senior Manager di Refining Transformation
Da sinistra a sinistra: Ana Salazar, Responsabile della Divisione Sostenibilità di Aena; Teresa Parejo, Direttore della Sostenibilità di Iberia; e Berta Cabello, Senior Manager di Refining Transformation

In fase di discesa ed avvicinamento, il volo operato con SAF ha effettuato quello che possiamo chiamare, un approccio ‘green’, un’operazione di volo che migliora l’efficienza del carburante raggiungendo il livello di altezza ottimale nelle fasi di salita e discesa.

Questo volo è riuscito a ridurre l’emissione di 1,4 tonnellate di CO2 nell’atmosfera, grazie al miglioramento dell’efficienza dei consumi fornito dall’aereo, insieme all’utilizzo di biocarburanti sostenibili. 

Inoltre, per il rifornimento di carburante è stato utilizzato un veicolo elettrico .

Il lotto di biocarburante per aeromobili utilizzato è il terzo prodotto da Repsol e il primo nel mercato spagnolo prodotto dai rifiuti come materia prima. L’azienda energetica integra quindi strumenti di economia circolare nel processo, trasformando i rifiuti in prodotti ad alto valore aggiunto come i combustibili a bassa impronta di carbonio. Questo lotto si unisce ad altri due precedenti prodotti da biomasse nelle raffinerie di Repsol a Puertollano e Tarragona.

Agenda 2030

Questa iniziativa fa parte dell’accordo di collaborazione verso una mobilità più sostenibile firmato da entrambe le società lo scorso luglio ed è in linea con gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDG) promossi dalle Nazioni Unite attraverso l’Agenda 2030.

L’accordo prevede lo sviluppo di programmi ambiziosi e attività congiunte in tre aree: lo sviluppo di carburanti per aviazione a basse emissioni di carbonio, la produzione di elettricità e idrogeno rinnovabile per decarbonizzare la flotta di veicoli di Iberia e la transizione ecologica verso strutture più sostenibili attraverso nuove tecnologie basate sull’intelligenza artificiale, tra le altre.  

È una prima pietra miliare nella roadmap dell’accordo, che include prossimi voli con biocarburanti a basse emissioni di carbonio con l’obiettivo di ottenere una mobilità più sostenibile ed efficiente nel settore dell’aviazione, dove l’elettrificazione non è al momento fattibile, l’idrogeno rinnovabile richiede un progresso tecnologico in aerei e i biocarburanti saranno l’opzione più rapida ed efficiente per ridurre le emissioni nei trasporti nei prossimi anni

La decarbonizzazione del settore aeronautico per Iberia

Il settore dell’aviazione si sta muovendo con decisione verso la decarbonizzazione attraverso l’uso di biocarburanti. 

L’International Air Transport Association (IATA) ha fissato una crescita zero delle emissioni di carbonio dal 2020, per la quale sta sviluppando diverse iniziative, tra le quali si distingue per il suo alto contributo alla riduzione di CO2, l’uso di diversi combustibili sostenibili, come come biocarburanti e biocarburanti avanzati prodotti dai rifiuti.

Il 14 luglio la Commissione Europea ha presentato il pacchetto di misure Fit for 55, che include l’iniziativa RefuelEU Aviation, il cui obiettivo è quello di incrementare l’offerta e la domanda di carburanti per aviazione sostenibili nell’Unione Europea, raggiungendo un utilizzo del 2% nel 2025, dal 5% nel 2030 al 63% nel 2050. In questo modo si riduce l’impronta ambientale dell’aviazione, contribuendo al raggiungimento degli obiettivi climatici dell’Unione Europea.

Repsol è un pioniere nella produzione di carburanti per aviazione sostenibile (SAF) in Spagna e con la produzione di carburanti nei suoi complessi industriali anticipa le diverse misure che le istituzioni comunitarie hanno stabilito per promuovere l’uso di carburanti per aviazione sostenibili. In questo senso, sia i SAF ottenuti da biomasse che i biocarburanti avanzati da rifiuti sono inclusi nell’elenco dei combustibili sostenibili della Direttiva Europea sulle Energie Rinnovabili.

Obiettivo zero emissioni nette entro il 2050

Repsol mira a guidare la transizione energetica, in linea con l’accordo di Parigi, e quindi a limitare l’aumento della temperatura globale al di sotto dei 2°C. 

La spinta ai combustibili sostenibili si unisce ai progetti che Repsol ha già implementato nell’efficienza energetica, nella generazione di elettricità a basse emissioni, nell’idrogeno rinnovabile, nell’economia circolare, nei combustibili sintetici e nella cattura, utilizzo e stoccaggio di CO2, ed è uno dei principali assi strategici del per raggiungere il suo obiettivo di essere un’azienda a emissioni zero entro il 2050.

L’azienda ha una strategia di economia circolare dal 2018 che si concretizza in più di 230 iniziative e nell’ambizione di utilizzare tre milioni di tonnellate di rifiuti all’anno entro il 2030 come materia prima per i suoi prodotti. 

Nell’ottobre 2020 ha annunciato la costruzione del primo impianto di biocarburanti avanzati in Spagna, che inizierà nel 2023. Sarà situato a Cartagena e avrà una capacità di 250.000 tonnellate all’anno di biocarburanti prodotti dai rifiuti e validi per le automobili, camion e aeroplani. Nel porto di Bilbao, nelle vicinanze della raffineria Petronor, Repsol ha progettato uno dei più grandi impianti di combustibili sintetici al mondo, utilizzando idrogeno rinnovabile e CO2 come uniche materie prime. L’impianto entrerà in funzione nel 2024 e avrà una capacità di oltre 2.

Inoltre, il progresso tecnologico e l’implementazione di progetti attuali e futuri ha permesso all’azienda di aumentare la sua ambizione negli obiettivi di riduzione dell’intensità di carbonio fissati nel suo Piano Strategico 2021-2025.

Il nuovo percorso di decarbonizzazione per raggiungere la neutralità nel 2050 prevede una riduzione del Carbon Intensity Indicator del 15% nel 2025, del 28% nel 2030 e del 55% nel 2040, rispetto al precedente 12%, 25% e 50%, rispettivamente.

IAG, di cui fa parte Iberia, è stato il primo gruppo di compagnie aeree a impegnarsi a raggiungere zero emissioni nette nel 2050.

Nel 2030 le compagnie aeree IAG opereranno almeno il 10% dei loro voli con combustibili di origine sostenibile. 

Il Gruppo acquisterà un milione di tonnellate di carburante per aviazione sostenibile all’anno, che gli consentirà di ridurre le emissioni di carbonio di due milioni di tonnellate entro il 2030, che equivale all’incirca all’assorbimento di CO2 da una foresta con un’area simile di 400.000 campi da calcio campi. Inoltre, IAG diventerà il primo gruppo aereo al mondo a estendere il proprio impegno a zero emissioni nette di CO2 alla propria catena di approvvigionamento. 

Inoltre Iberia continua nella sua più ampia strategia ambientale, che non si limita solo al SAF, si sviluppa su tre pilastri: operazioni più efficienti – che includono tutte le iniziative per rinnovare la sua flotta, ridurre il consumo di carburante ed elettrificare i suoi veicoli, tra le altre; un’esperienza di viaggio più sostenibile per i propri clienti – attraverso la digitalizzazione dei servizi, la progressiva eliminazione della plastica a bordo, lo sviluppo del proprio sistema di gestione dei rifiuti e la compensazione della carbon footprint; e il suo impegno per la transizione ecologica dell’aviazione, soprattutto, attraverso la sua collaborazione nella ricerca e sviluppo di carburanti di origine sostenibile.