easyJet

turnaround elettrico di easyJet a Bristol

Tempo di lettura 3 minuti

Non in tutti gli aeroporti e’ possibile collegare l’aeromobile direttamente alla rete elettrica dello scalo, come a Bristol, dove easyJet in collaborazione con il gestore aeroportuale ha introdotto mezzi e GPU “a batteria” e non solo.

easyJet e l’aeroporto di Bristol hanno annunciato di aver ridotto quasi a zero le emissioni per il turnaround degli aeromobili attraverso l’uso di apparecchiature di terra alimentate elettricamente invece del diesel.

L’iniziativa fa parte di una collaborazione tra easyJet e l’aeroporto di Bristol per decarbonizzare le operazioni a terra dell’aeroporto.

I risultati della sperimentazione hanno mostrato una riduzione del 97% delle emissioni di CO2 utilizzando i dati giornalieri prodotti per tutto il mese di settembre.

Il passaggio alle apparecchiature elettriche di terra, inclusi scale, carrelli portabagagli, caricatori a nastro e unità di alimentazione a terra per l’alimentazione dell’aeromobile tra un volo e l’altro, è una delle numerose iniziative incentrate sulla riduzione delle emissioni.

easyJet sta utilizzando l’aeroporto di Bristol come banco di prova per testare e implementare le ultime soluzioni tecnologiche e innovative per decarbonizzare le sue operazioni e ridurre gli sprechi. Qualsiasi risultato positivo delle prove avrà il potenziale per essere implementato attraverso la rete di easyJet che copre 150 aeroporti in 35 paesi.

Mezzi elettrici DHL handling per il turnaround degli aeromobili easyJet a Bristol.

La prova di sei mesi è iniziata il 1° settembre 2021 utilizzando due piazzole dedicate utilizzate dagli aeromobili easyJet.

I risultati fino ad oggi mostrano una riduzione delle emissioni di 1721 kg di carbonio durante il periodo in cui l’apparecchiatura elettrica era in uso con solo 59 kg utilizzati rispetto ai 1780 kg emessi utilizzando apparecchiature diesel simili.*

La partnership raggruppa diversi attori e fornitori: TCR, DHL, ITW, Up and Away e Terbergh.

I progetti e le sperimentazioni includeranno anche : Carburanti per l’aviazione sostenibile (SAF), l’utilizzo di BUS elettrici,
riciclaggio e gestione dei rifiuti, iniziative per il risparmio di carbonio dei dipendenti, riduzione delle emissioni di carbonio della catena di approvvigionamento, ottimizzazzione della fase di discesa dell’aeromobile per una riduzione dei consumi ed emissioni.

Johan Lundgren, CEO di easyJet e Dave Lees, CEO dell’aeroporto di Bristol

Johan Lundgren, CEO di easyJet, ha dichiarato: “In easyJet, vogliamo fare la nostra parte per guidare la decarbonizzazione dell’aviazione, quindi siamo lieti di vedere i risultati di questa sperimentazione di successo che ha creato una significativa riduzione delle emissioni operative adottando la tecnologia a nostra disposizione oggi. Gli insegnamenti del processo di Bristol ci aiuteranno a definire la nostra strategia di sostenibilità per i futuri cambiamenti operativi, il che contribuirà a consentire la transizione di easyJet verso il nostro obiettivo di zero emissioni nette entro il 2050. Oltre alla compensazione del carbonio e a volare in modo efficiente con una flotta giovane e moderna, ridurre l’impatto delle nostre operazioni aeroportuali insieme ai nostri partner aeroportuali è una componente importante del nostro percorso di decarbonizzazione mentre stiamo supportando lo sviluppo di velivoli a emissioni zero per il futuro del volo. “

Dave Lees, CEO dell’aeroporto di Bristol, ha dichiarato: “Questo è un risultato eccezionale da parte di tutti i partner coinvolti. La sperimentazione ha ridotto le emissioni di turnaround degli aerei del 97%*. Questa è un’altra dimostrazione di come lavorando insieme, inclusi partner ed esperti nel loro campo, siamo in grado di creare oggi una riduzione positiva delle emissioni di carbonio. Come aeroporto stiamo prendendo sul serio i nostri impegni per affrontare il cambiamento climatico e questa sperimentazione è solo un’iniziativa che stiamo portando avanti per raggiungere un’operazione aeroportuale netta zero entro il 2030. Continueremo a lavorare in collaborazione con easyJet per consentirci di sviluppare iniziative e progetti congiunti per contribuire alla decarbonizzazione dell’aviazione e alla creazione di posti di lavoro verdi”.

Rob O’Dare, responsabile tecnico e di conformità dell’aeroporto di Bristol, ha aggiunto: “Dirigere progetti di sostenibilità di questa natura, all’avanguardia di ciò che è possibile, è estremamente gratificante. Questo progetto è stato particolarmente soddisfacente grazie al lavoro di squadra dimostrato dai molteplici partecipanti, inclusi tra gli altri EasyJet, DHL, TCR e ITW, necessario per realizzare tutto questo. Molti di questi partner hanno investito in modo significativo nella sperimentazione in termini di tempo e attrezzature a costo zero, comprendendo che stiamo investendo nella responsabilità sociale dell’industria aeronautica. La prova di turnaround a basse emissioni è solo una delle tante iniziative su cui l’aeroporto di Bristol e easyJet stanno lavorando come parte della nostra partnership per la sostenibilità”.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017