easyJet

easyJet inaugura la base stagionale di Malaga

easyJet ha dato a tutti noi modo di criticarla su diversi aspetti, da quando da inizio pandemia si è mostrata debole, adottando una cautela poco condivisibile, ma per chi conosce il vettore è del tutto comprensibile, anche se su alcuni punti di un piano non completamente chiaro, bisogna dare atto ad easyJet di aver fatto passi in avanti importanti, come nelle basi stagionali, Malaga in Spagna e Faro in Portogallo.

La base stagionale di Malaga inaugurata oggi, darà ad easyJet una maggior efficenza e flessibilità nelle operazioni stagionali in Spagna, con un riflesso positivo anche sul bilancio della compagnia, parte quindi di quel processo di ristrutturazione avviato lo scorso anno e non ancora concluso.

La nuova base stagionale presso l’aeroporto di Malaga-Costa del Sol, è operativa dal 1 giugno, si aggiunge a quelle che easyJet ha già a Barcellona e Palma di Maiorca e consolida la presenza della compagnia in Spagnada malaga sono 14 le destinazioni servire da easyJet.

easyJet ora baserà un totale di 12 aeromobili in Spagna, dove conta più di 400 dipendenti, tutti assunti, come è solita fare la compagnia, con contratti locali. 

La cerimonia di apertura è iniziata con il tradizionale arrivo dell’aereo con la speciale livrea di Malaga e il taglio del nastro da parte dei maggiori rappresentanti della compagnia aerea e delle autorità della regione ed è proseguita con la tavola rotonda ” Reinventare il turismo “. Al dibattito ha partecipato il signor  Manuel Pablo Muñoz, Segretario Generale del Turismo della Junta de Andalucía, Francisco Salado, Presidente della Deputazione di Málaga e Presidente del Turismo Costa del Sol, Francisco de la Torre , Sindaco di Malaga, Pedro Bendala , Direttore di Malaga-Costa del Sol aeroporto, così come Javier Gándara , Direttore Generale di easyJet per l’Europa del Sud. Inoltre, D. Teófilo Ruiz, Vice Delegato del Governo a Malaga, ha tenuto un discorso di benvenuto prima della tavola rotonda. 

Javier Gándara, direttore generale di easyJet per l’Europa meridionale, ha dichiarato: “ Con oltre 36 milioni di passeggeri trasportati dal 1999, Malaga è stata fino ad ora la destinazione più popolare della nostra rete dove non avevamo una base. Nonostante un contesto difficile per il settore, riteniamo che l’apertura di quella che sarà la seconda base stagionale spagnola di easyJet a Málaga – e la terza nel paese – sia un’opportunità per espandere le nostre operazioni in Spagna, dove siamo la quarta compagnia aerea più grande. Con l’Europa che riapre progressivamente al turismo, sappiamo che c’è una domanda repressa di viaggi e manteniamo la flessibilità per accelerare rapidamente le nostre operazioni per soddisfare tale domanda e unbase stagionale ci fornisce una soluzione che si adatta perfettamente alle esigenze del mercato, costituendo un altro esempio di iniziativa innovativa che rende ancora più efficiente il nostro modello di business .

Le diverse autorità hanno anche analizzato come Malaga, la Costa del Sol e l’Andalusia nel loro insieme possono beneficiare della nuova base, che consente a questa destinazione di avere una migliore connettività con il mercato internazionale, e hanno anche evidenziato i pilastri che rendono questa regione un attraente destinazione turistica.

Il Segretario Generale per il Turismo, Manuel Muñoz , ha evidenziato che “Il fatto che una compagnia che sposta un volume di viaggiatori alto come easyJet, abbia aperto una nuova base in Andalusia nel contesto attuale dimostra la forza della comunità e quella della Costa del Sol come destinazione e la fiducia che genera in una delle principali compagnie aeree. In questo senso, ha assicurato che l’Andalusia “è una garanzia di redditività per l’attività turistica, una destinazione con un alto potere di attrazione e che ha un alto grado di fidelizzazione tra i viaggiatori provenienti dai più importanti mercati di origine internazionali”, motivo per cui è un territorio “di straordinario interesse per scommesse come quella svolta da easyJet”.

Francisco Salado, presidente del Consiglio provinciale di Malaga e presidente di Costa del Sol Tourism, ha commentato: “L’offerta di posti aerei per la destinazione Malaga Costa del Sol per viaggi da giugno a settembre è vicina a quattro milioni, pari a 3.429.077 posti. Questo dato rappresenta una crescita del +101,6% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente e un incremento di 1.700.000 posti. EasyJet ha molto da dire su questo aumento, che è una delle tre compagnie che offre la stragrande maggioranza dei posti sui voli da giugno a settembre 2021.L’apertura della base easyJet conferma, a parere del Presidente del Consiglio provinciale di Malaga, che la strada della ripresa è iniziata, “lo vediamo nelle ricerche effettuate presso le nostre destinazioni, nelle previsioni dei posti aerei e nei nostri previsioni di occupazione alberghiera tra gli altri indicatori turistici”, sottolinea.

Il sindaco di Malaga, Francisco de la Torre , ha sottolineato che “questa è una buona notizia poiché l’apertura di questa nuova base a Malaga di per sé genera posti di lavoro nel territorio, ma è anche un indicatore chiaro che la compagnia aerea è impegnata nella destinazione, ha aspettative di crescita e investe in essa. In effetti, aspiriamo a passare da stagionale a permanente durante tutto l’anno. Va inoltre ricordato che nell’anno prima della pandemia – il 2019 – easyJet è stata la seconda compagnia aerea di Malaga con 14 rotte e 2,5 milioni di passeggeri”. De la Torre ha evidenziato che “non invano, una delle nostre strategie in materia di connettività aerea, inclusa nel nostro Piano strategico del turismo per Malaga 2021-2024, è proprio quella di lavorare insieme ad altre istituzioni e all’aeroporto in modo che le aziende possano vedere questo aeroporto, la città di Malaga, la sua provincia e l’ampio entroterra che ci circonda come luogo strategico per fondare i suoi aerei, anche al di fuori del campo turistico. “

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017