Covid-19 Regno Unito UK

Le reazioni del settore dell’aviazione britannica

Le reazioni di dissenso e protesta delle compagnie aeree inglesi e degli aeroporti del Regno Unito, sono arrivate poco dopo l’annuncio che il Portogallo da martedì 8 maggio verrà spostato dalla lista verde alla lista ambra.

Il primo ad arrivare è stato quello di Johan Lundgren CEO di easyJet, a seguire quelle dei tre aeroporti più trafficati del Regno Unito: Londra Heathrow, Gatwick e Stansted, ma non sono mancate le repliche di Michael O’Leary e di TUI UK.

Le tre più “severe” sono quelle ovviamente di Michael O’Leary e dei due CEO degli aeroporti di Londra Heathrow e Londra Stansted.

Ryanair

La dichiarazione del CEO di Ryanair, Michael O’Leary:Il governo di Boris Johnson sta nuovamente gestendo male la ripresa da Covid. Questo approccio stop-go-stop ai viaggi a corto raggio in Europa è inspiegabile e ingiustificato quando il 75% della popolazione del Regno Unito ha ricevuto un vaccino contro il Covid. Non c’è alcun motivo medico o di salute pubblica per spostare il Portogallo dalla lista verde a quella ambra, quando i suoi tassi di casi di Covid sono bassi come il Regno Unito a soli 50 per 100.000 abitanti e il programma di lancio del vaccino del Portogallo ha superato il 40% e sta rapidamente prendendo piede up con i livelli del Regno Unito.

I cittadini britannici che hanno già prenotato un viaggio in Portogallo meritano una spiegazione del motivo per cui i cittadini britannici vaccinati devono mettere in quarantena quando tornano da un paese che ha tassi di casi di Covid altrettanto bassi come il Regno Unito. Il ministro dei Trasporti Shapps dovrebbe anche spiegare perché quei paesi come Malta, o isole come le Baleari e le Canarie, che hanno tassi di casi di Covid significativamente più bassi rispetto al Regno Unito, non sono stati aggiunti alla Lista verde del Regno Unito per consentire alle famiglie del Regno Unito una buona salute. vacanze guadagnate a giugno, luglio e agosto, in particolare quando quelle famiglie del Regno Unito sono già state vaccinate.

Questa è purtroppo un’ulteriore prova del fatto che il governo Johnson si inventa man mano che va avanti, e questo approccio stop-go-stop ai viaggi internazionali è dannoso per il Regno Unito e per milioni di famiglie del Regno Unito. Ryanair chiama oggi Boris Johnson e Grant Shapps per riportare immediatamente il Portogallo nella Green List, e aggiungere quelle altre destinazioni a basso rischio come Malta, Baleari e Isole Canarie, in modo che le famiglie britanniche possano pianificare le loro vacanze per l’estate 2021 senza essere ripetutamente interrotto e mal gestito da Boris Johnson e dalla sua caotica amministrazione governativa”.

Londra Heathrow

John Holland-Kaye, AD di Heathrow, ha dichiarato: “i ministri hanno trascorso il mese scorso salutando il riavvio dei viaggi internazionali, solo per chiuderli tre settimane dopo, garantendo un’altra estate persa per il settore dei viaggiSe il governo è seriamente intenzionato a proteggere i posti di lavoro nel Regno Unito e a sostenere le imprese in tutto il paese, è necessaria un’azione rapida per riaprire i voli verso i principali partner commerciali, rimuovere i test per i passeggeri vaccinati dai paesi verdi e ridurre i costi e la complessità dei test, come altri paesi del G7 stanno facendo“.

London Stansted Airport

Charlie Cornish, CEO di MAG London Stansted Airport , ha dichiarato: “Ci è stato detto che il sistema a semaforo avrebbe consentito alle persone di viaggiare in sicurezza, con le giuste misure in atto per gestire il rischio per i diversi paesi. Ma ora è chiaro che il governo non si fida del proprio sistema e che i viaggi internazionali sono ingiustamente un capro espiatorio, con decine di migliaia di posti di lavoro messi a rischio nel processo. Le destinazioni a basso rischio continuano a essere escluse dalla lista verde nonostante le prove evidenti che sono sicure da visitare. Con tassi di casi inferiori a quelli del Regno Unito, semplicemente non riusciamo a capire perché Baleari, Canarie e alcune isole greche non rientrino in questa categoria. Se seguissimo l’approccio adottato in tutta Europa, anche molti altri paesi – come Stati Uniti, Germania e Italia – sarebbero classificati come verdi. Invece, siamo bloccati con un sistema che chiaramente non è adatto allo scopo e che quest’anno negherà alle persone l’opportunità di viaggiare all’estero in sicurezza.

La mancanza di trasparenza è scioccante e totalmente inaccettabile. Se il governo dispone di informazioni che supportano le sue decisioni, deve pubblicarle. Abbiamo ripetutamente chiesto questi dati, ma siamo stati lasciati all’oscuro di come sta facendo queste scelte, senza opportunità di controllo o sfida. Non è questo il modo di limitare le libertà delle persone e paralizzare i settori dei viaggi e del turismo del Paese. Con così tanto in gioco, abbiamo bisogno di trasparenza immediata e azioni urgenti per rendere questo sistema di restrizioni di viaggio adatto allo scopo”.

Le Altre dichiarazioni:

Johan Lundgren CEO di easyJet

Stewart Wingate, AD di Gatwick

Andrew Flintham, amministratore delegato di TUI UK

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017