Aeroporti di Milano SEA

SEA: Linate e Malpensa NetZero dal 2030.

Tempo di lettura 3 minuti

In occasione del secondo summit di Airports Council International (Europe) – ACI EUROPE sulla sostenibilità del trasporto aereo, gli aeroporti di Milano Malpensa e Milano Linate hanno annunciato, insieme ad altri 91 aeroporti europei, il piano che anticipa il raggiungimento dell’obiettivo “Net Zero Emissions” dal 2050 al 2030.

Raggiungere zero emissioni entro il 2030 non è una promessa che prendiamo alla leggera. Siamo fiduciosi che attraverso un adeguato supporto politico, il contributo della ricerca e degli investimenti saremo in grado di decarbonizzare completamente le nostre operazioni aeroportuali” ha commentato il nostro CEO Armando Brunini.

Non solo SEA con Milano Linate e Malpensa ma anche i 10 aeroporti gestiti da Swedavia (tra cui Stoccolma-Arlanda), che recentemente sono diventati i primi a livello mondiale a diventare Net Zero. L’aeroporto internazionale di Atene dovrebbe seguire a partire dal 2025, Atlantia con Aéroports de la Côte d’Azur (3 aeroporti incluso Nizza), Aeroporti di Roma, Amsterdam Schiphol, AVINOR (44 aeroporti incluso Oslo), Copenhagen, Eindhoven, EuroAirport Basel-Mulhouse-Freiburg, Finavia (21 aeroporti tra cui Helsinki), Lussemburgo, Lione-Saint Exupéry, Marsiglia-Provenza e Tallinn.

Olivier Jankovec, Direttore Generale di ACI EUROPE ha dichiarato: “ Gli aeroporti europei sono stati leader a livello globale nell’azione per il clima negli ultimi 12 anni, offrendo costanti riduzioni di CO 2 attraverso l’Airport Carbon Accreditation. Sebbene COVID-19 sia uno shock senza precedenti da cui dobbiamo ancora riprenderci, ha solo rafforzato la nostra determinazione a fare la nostra parte nella transizione verso economie europee senza emissioni di carbonio. I livelli di ambizione rinnovati e intensificati che annunciamo oggi sono davvero impressionanti date le circostanze. Riflettono non solo il continuo allineamento con gli obiettivi climatici dell’UE, ma per molti aeroporti che ora puntano a Net Zero entro il 2030, significa andare ben oltre l’obiettivo di riduzione del 2030 dell’UE del -55% “.

Ha aggiunto: “Voglio ringraziare tutti gli aeroporti che stanno riaffermando, aderendo e portando avanti questi importanti impegni, soprattutto nelle circostanze attuali. Naturalmente, questi sforzi sono anche parte integrante della visione e della tabella di marcia verso un’aviazione europea Net Zero entro il 2050, che di recente si è concretizzata con “Destinazione 2050”. Oltre a ridurre le emissioni di CO 2 di cui sono direttamente responsabili, gli aeroporti europei avranno anche un ruolo cruciale da svolgere nel supportare altri partner e in particolare le compagnie aeree nei loro sforzi di decarbonizzazione “.

Adina Vălean, Commissaria UE per i trasporti, ha  commentato : “Il Green Deal europeo è il nostro piano per rendere l’UE più sostenibile. Le misure politiche delineate nella nostra strategia per la mobilità sostenibile e intelligente dovrebbero aiutare le parti interessate nel settore dell’aviazione a decarbonizzare il settore. Inoltre, quando si parla di decarbonizzazione degli aeroporti, è impossibile non menzionare il ruolo e l’impatto positivo che l’Airport Carbon Accreditation di ACI ha avuto nel guidare gli sforzi per il clima degli aeroporti. Accolgo con molto favore lo sforzo delle parti interessate aeroportuali nel tenere testa a questi ambiziosi obiettivi per raggiungere Net Zero. Non vedo l’ora di lavorare sui futuri progressi su queste questioni con la comunità aeroportuale dell’UE “

Tuttavia, ACI EUROPE è stato chiaro anche sul fatto che se gli aeroporti si concentrano sulla ricostruzione migliore rinnovando e intensificando le loro ambizioni climatiche, devono affrontare sfide considerevoli da realizzare a meno che non siano in atto quadri normativi e finanziari più favorevoli.

Jankovec ha concluso:“Non c’è scampo che la realizzazione di questi obiettivi Net Zero sarà estremamente impegnativa data la difficoltà finanziaria in cui si trovano gli aeroporti europei. Con un sostegno finanziario generalmente limitato esteso agli aeroporti per affrontare la crisi del COVID-19, ancora significativa incertezza sulla ripresa insieme a una costante pressione al ribasso sui diritti aeroportuali, al mancato accesso allo strumento dell’UE per il recupero e la resilienza e alle norme inadeguate sugli aiuti di Stato, gli aeroporti europei stanno affrontando una crisi di investimenti. Ciò danneggerà innanzitutto gli investimenti nella sostenibilità e il rischio di soluzioni bloccate ad alta intensità di carbonio negli aeroporti è reale. Ciò deve essere affrontato dall’UE e dagli Stati europei in via prioritaria: devono fare il discorso sul lato normativo e finanziario quando parlano di aeroporti verdi “.

Niclas Svenningsen, Manager, Global Climate Action, UNFCCC:  “ La crisi COVID-19 ha cambiato il mondo così come lo conosciamo, senza lasciare indenne nessun settore e rimescolando molte priorità. È quindi con grande gioia che accolgo con favore la perseveranza degli aeroporti europei nel mantenere il loro impegno a raggiungere le emissioni nette di CO 2 pari a zero entro il 2050. Ancora di più, poiché oltre 90 di loro stanno alzando ulteriormente l’asticella e pianificano di raggiungere questo obiettivo entro il 2030 Questo è il tipo di ambizione di cui abbiamo bisogno in vista della prossima COP26. Dato il ritmo incessante dell’emergenza climatica, ora più che mai abbiamo bisogno che tutte le parti interessate partecipino all’azione per il clima “.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017