Airbus

Uno scossone ai vertici di Airbus

Tempo di lettura 2 minuti

Da quando l’amministratore delegato Guillaume Faury ha assunto il timone due anni fa, è la prima volta che in Airbus si innesca un cambio così decisivo del board, con l’uscita dal gruppo di due dirigenti chiave, tra cui la CTO (chief technology officer), l’italiana Grazia Vittadini.

A lasciare il gruppo, ci sarà anche il capo della divisione difesa e spazio di Airbus, Dirk Hoke, entrambi lasceranno Airbus dal 1 luglio 2021.

In una nota, Guillaume Faury, CEO di Airbus, ha dichiarato: “Quando emergiamo da COVID-19 e attendiamo con impazienza le prossime fasi nello sviluppo delle nostre attività civili e militari, stiamo apportando importanti cambiamenti al team di leadership. Ringrazio vivamente Dirk per la sua leadership al timone della Difesa e dello Spazio gli ultimi cinque anni e i risultati ottenuti sotto la sua supervisione. Voglio anche ringraziare sinceramente Grazia per i suoi contributi chiave e il suo impegno personale negli ultimi anni. Auguro a entrambi il meglio per i loro impegni futuri

“Ora sono molto lieto di dare il benvenuto ad Alberto e Sabine nel Comitato Esecutivo di Airbus, mentre Michael e Jean-Brice assumeranno responsabilità chiave nella Difesa e nello spazio di Airbus. Questi cambiamenti ci consentiranno di affrontare ulteriormente le nostre sfide e realizzare le nostre ambizioni, oltre ad aumentare la dinamica del “Team Airbus” con una più profonda collaborazione tra le nostre diverse attività e funzioni oltre confine “.

Una maggiore coesione interna.

Questa la motivazione principale del cambiamento nel board, Grazia e Hoke non sono le uniche due figure che lasceranno il board. le altre saranno sostituite, ma resteranno in Airbus.

La decisione arriva pochi giorni dopo che Airbus e Dassault Aviation hanno raggiunto un accordo critico dopo settimane di discussioni tese, sulla quota di lavoro sul Future Combat Air System, un progetto di caccia franco-tedesco-spagnolo, guidato da Dirk Hoke.

L’accordo deve ancora affrontare l’incertezza politica in un anno elettorale tedesco e le differenze nazionali sui diritti tecnologici, ma è visto come una pietra miliare per il più grande progetto di difesa d’Europa.

Una persona che ha familiarità con la questione ha detto che Hoke stava discutendo sulla sua partenza da alcuni mesi.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017