Cathay Pacific

Cathay chiude con effetto immediato Cathay Dragon

Tempo di lettura 2 minuti

Confermati i rumor degli scorso giorni, Cathay ha deciso di cessare le operazioni della sua compagnia regional Cathay Dragon e taglierà nel gruppo 5.900 posti di lavoro.

Queste operazioni permetteranno immediatamente al gruppo Cathay, un ulteriore taglio dei costi, necessario vista la situazione finanziaria ed il forte calo della domanda.

Le rotte di Cathay Dragon verranno in parte operate da Cathay e dalla controllata HK Express.

Cathay Pacific ha perso 1,27 miliardi di dollari nei primi sei mesi del 2020 e continua a bruciare oltre 250 milioni di dollari ogni mese.

Cathay Dragon aveva una flotta di 38 aerei, 18 Airbus A330-300, 12 Airbus A320-200 e otto Airbus A321-200, in parte in leasing, in parte di proprietà. 

Cathay prevede di operare per tutto il 2021 solo il 50% della sua capacità ed il 40% degli aeromobili è attualmente stoccato in siti al di fuori di Hong Kong.

Cathay cercherà anche di modificare le condizioni dei contratti con l’equipaggio di cabina e i piloti come parte di una ristrutturazione che costerebbe HK $ 2,2 miliardi ($ 283,9 milioni).

Nel complesso gli esuberi saranno per l’intero gruppo il 24% del personale, ovvero 8.500, 2600 di questi sono figure che attualmente non stanno già lavorando in seguito di un precedente taglio dei costi.

Le azioni che abbiamo annunciato oggi, per quanto sgradevoli, sono assolutamente necessarie per ridurre il consumo di denaro a livelli più sostenibili“, ha commentato il ​​presidente di Cathay Patrick Healy.

In seguito alla notizia, in borsa le azioni di Cathay sono aumentate di quasi il 7% all’inizio degli scambi per assestarsi al 3% in chiusura.

A giugno Cathay Pacific annunciò un finanziamento di circa 4,5 miliardi di euro ($ 39 miliardi di HK) per ricapitalizzare il gruppo.

Il piano in tre fasi è stato progettato per fornire a Cathay fondi sufficienti per resistere alla crisi del settore e una piattaforma finanziaria stabile con cui sarà in grado di avviare una riorganizzazione necessaria per adeguare le operazioni di Cathay alle nuove sfide post coronavirus, riorganizzazione che procede con la chiusura di Cathay Dragon.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi