Vueling

E’ arrivato il momento di un italiano al comando…

Tempo di lettura < 1 minuto

In ritardo di qualche mese, per non lasciare il comando di IAG durante la crisi peggiore della storia dell’aviazione, Willy Walsh lascia la carica per una meritata pensione.

Al suo posto Luis Gallego che in Iberia sarà sostituito da Javier Sánchez-Prieto fino a pochi giorni fa presidente e amministratore delegato di Vueling e in Vueling arriva dopo l’annuncio di gennaio 2020 un italiano, Marco Sansavini , lo ha confermato il consiglio di amministrazione di IAG ieri.

Marco ha iniziato la sua carriera nel 1995 in KLM ricoprendo il ruolo di Marketing Manager South East Europe.

Nel 2009 entra in Alitalia come EVP Sales Distribution & Customer Care per poi diventare lo CSO nel 2012 fino a dicembre dello stesso anno, quando arriva in IAG come CCO di Iberia.

L’esperienza di Marco, in ruoli strategici e la sua formazione, lo hanno reso il candidato ideale, anche in un ottica di crescita interna al gruppo e di valorizzare le risorse interne per la successione di Javier nella carica di AD e presidente della low cost del gruppo.

Willie Walsh a gennaio, nel congratularsi con entrambi, ha dichiarato: “Vorrei congratularmi con Javier e Marco per i loro nuovi ruoli e sono assolutamente fiducioso di essere le persone giuste per guidare Iberia e Vueling. Entrambi hanno lavorato nel Gruppo per diversi anni e vantano risultati fantastici, dimostrando ancora una volta che abbiamo persone estremamente talentuose internamente che siamo in grado di promuovere per i nostri migliori posti di lavoro. 

Marco Sansavini dichiarò sempre a gennaio: “Negli ultimi sette anni ho avuto un’opportunità unica di lavorare fianco a fianco con una grande squadra sotto la guida di Luis. Sono lieto di accettare il ruolo di Vueling e non vedo l’ora di continuare a sviluppare il suo modello di business di successo in futuro.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi