Wizz Air Aeroporto di Vienna European Transport Workers’ Federation

Denuncia di ETF: Wizz Air antisindacale

Tempo di lettura 3 minuti

ETF European Transport Workers’ Federation denuncia un situazione antisindacale ormai insostenibile in Wizz Air, “Non è un segreto” denuncia ETF “che Wizz Air abbia forti tendenze anti-sindacali. L’amministratore delegato József Váradi ama vantarsene pubblicamente, sostenendo che l’azienda lascerà qualsiasi paese in cui i lavoratori cercheranno di organizzarsi.

Una posizione quella di Varadi che sembra ormai essere isolata, anche Ryanair da sempre conosciuta per dialogare molto poco con i sindacati è diventata a suo modo più collaborativa, pur mantenendo il focus su quelli che sono gli interessi aziendali, che sono ovviamente anche gli interessi dei lavoratori, un vettore competitivo assicura posti di lavoro, il segreto è trovare un equilibrio tra gli interessi aziendali e quelli dei lavoratori, che non devono mai essere calpestati.

In un lungo comunicato di ETF leggiamo dei recenti eventi nella base di Kyiv di Wizz Air che dimostrano secondo ETF, cosa significhi in pratica questo atteggiamento anti-sindacale.

In un posto di lavoro già irto di comportamenti inappropriati della direzione prima del COVID-19, l’azienda ha utilizzato la pandemia come una comoda scusa per sbarazzarsi di alcuni lavoratori mentre conduceva un’aggressiva campagna anti-sindacale.

Una dura accusa quella di ETF secondo la quale il tutto è iniziato a maggio, quando Wizz Air si è unita a diverse altre compagnie aeree europee nell’usare la pandemia COVID-19 come scusa per peggiorare le condizioni di lavoro del personale e il personale di cabina è stato costretto a firmare nuovi contratti che includevano un significativo taglio salariale: una riduzione del 25% dello stipendio base e dei pagamenti settoriali.

Kyiv

Nella base di Kiev il personale di Wizz Air non era rappresentato da nessun sindacato, il 17 maggio il personale di cabina unito, decise di formarne uno, Wizz riferisce ETF “non ha riconosciuto direttamente il sindacato, lanciando un’aggressiva campagna anti-sindacale.

Secondo ETF alcune figure manageriali di Wizz hanno cercato di “persuadere i dipendenti che l’appartenenza al sindacato può solo far loro del male, che la base di Kiev chiuderà e che tutti saranno licenziati perché la società non consente i sindacati.

ETF riferisce che “Molto di questo è stato fatto indirettamente: la direzione locale si è dotata del forte sostegno degli avvocati e si è assicurata che altri diffondessero queste voci. È stato attraverso i prestanome (istruttori, formatori di linea e pochi dipendenti vicini al manager di base) che la direzione ha diffuso menzogne ​​sul sindacato.

Questi sforzi anti-sindacali sono aumentati il ​​29 maggio, quando si è tenuta una conferenza online con i dipendenti, i vertici aziendali ei loro avvocati. Durante l’incontro, Diederik Pen, Vicepresidente esecutivo e Direttore operativo del gruppo di Wizz Air, ha dichiarato:

“Accettiamo e comprendiamo anche che alcuni individui saranno delusi, frustrati e persino arrabbiati. E accettiamo anche che alcune persone abbiano sentito la necessità di assumere avvocati anche per iniziare la battaglia legale e possano persino prendere altre iniziative. È un loro diritto. Ma allo stesso tempo, l’azienda ha anche dei diritti e faremo tutto ciò che è in nostro potere per proteggere vigorosamente i tuoi interessi ma anche per difendere la fiducia dell’azienda. Lo faremo in modo giusto, equo e legale; questo significa che potremmo non essere in grado di agire immediatamente, ma ti assicuriamo che l’azienda reagirà. La società non è legalmente autorizzata a commentare tale iniziativa. Incoraggiamo ogni dipendente a essere premuroso e premuroso che l’azienda agirà sempre nel migliore interesse dei dipendenti e dell’azienda. Dobbiamo agire nel migliore interesse di entrambi insieme, il che non è sempre facile, ma facciamo del nostro meglio. Ci auguriamo che le persone non si lascino distrarre dalle iniziative inventate da loschi avvocati e persone arrabbiate”.

ETF commenta: È chiaro dal modo in cui ha scelto le sue parole che è stato informato dagli avvocati su ciò che può e non può dire, e allo stesso tempo ha cercato di chiarire che la società non approva l’attività sindacale. Ancora di più, ha deciso di screditare tutte le persone coinvolte – i membri del sindacato ei loro avvocati – dipingendoli come persone “losche” e “arrabbiate”.

E mentre Pen si è trattenuto , il CEO József Váradi non è riuscito a farlo in un’altra riunione a giugno. Il top management e i dipendenti di Wizz Air erano presenti per ricevere un ultimatum da Váradi: o si ferma il sindacato o si chiude la base di Kiev.

Le azioni anti-sindacali hanno raggiunto il loro punto più alto alla fine di luglio, quando secondo ETF, quattro lavoratori sono stati licenziati: Yuliia Batalina e Hanna Teremenko (capo e vice capo del sindacato), Artem Tryhub (membro del consiglio sindacale) e Andriy Chumakov (membro del sindacato) . Tutti loro erano dipendenti Wizz Air da anni. Erano tutti membri dell’equipaggio senza alcuna nota negativa nella condotta e con valutazioni positive.

La denuncia di ETF European Transport Workers’ Federation

Tutte le prove indicano la stessa conclusione: Wizz Air sta cercando di utilizzare COVID-19 come una comoda scusa per peggiorare le condizioni di lavoro e licenziare ingiustamente i lavoratori sindacalizzati. [cit ETF]

Per leggere l’intero comunicato di ETF European Transport Workers’ Federation, da questo link

Sono in attesa di una dichiarazione ufficiale di Wizz Air alle dure accuse di ETF.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi