Aeroporti di Berlino BER

Schönefeld si prepara per diventare il T5 di BER

Tempo di lettura < 1 minuto

Con l’apertura dell’aeroporto di Berlino Brandeburgo BER, l’aeroporto di Schönefeld diventerà il Terminal 5 di BER.

SXF riceverà il codice IATA il 25 ottobre con il passaggio dall’orario dei voli da estivo a quello invernale.

Nel frattempo sono stati effettuati lavori di ristrutturazione e ampliamento nel terminal di Schönefeld, con nuovi percorsi e segnaletica per i passeggeri.

Engelbert Lütke Daldrup, amministratore delegato di Flughafen Berlin Brandenburg GmbH: “L’aeroporto di Schönefeld come nuovo Terminal 5 sarà parte integrante del BER. Come risultato dei lavori di ristrutturazione, il terminal T5 potra’ garantire operazioni di volo scaglionate in modo affidabile in condizioni di coronavirus “.

Per i passeggeri l’esperienza al check-in è stata notevolmente migliorata, ad esempio attraverso il rinnovo del Molo 3a nella Sezione Terminal K, dove e’ stata ristrutturata anche l’area air side.

I varchi di controlli sicurezza sono stati aggiornati ed aumentati da 4 a 5, spostando l’ingresso del terminal.

Entro la fine dell’anno verranno costruite molte altre aree per la Polizia Federale, con la quale sono stati potenziati i sistemi di ispezione bagagli in stiva.

L’apertura del BER vedrà lo svolgimento delle operazioni di volo nella cosiddetta “double-roof operation. A seconda della compagnia aerea, i passeggeri effettueranno il check-in e l’imbarco al T5 o al T1 / T2 l’aereo pronto per l’imbarco nell’ex aeroporto di Schönefeld rullerà fino alla pista nord del BER come prima e decollerà da lì, mentre i voli in attesa al T1 decolleranno dalla pista sud.

Le nuove taxiway K5 e K6 consentono un rullaggio veloce e parallelo, mentre la taxiway G garantisce il collegamento alla rampa 1 e quindi al terminal 1.

Il nuovo piazzale 3b offre spazio per altri cinque aeromobili.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi