Aeroporto di Londra Gatwick LGW

Gatwick annuncia un piano di ristrutturazione aziendale

Tempo di lettura 2 minuti

Gatwick ha annunciato oggi piani per una ristrutturazione significativa in tutta la sua attività, progettata per ridurre ulteriormente i costi operativi e del personale alla luce dell’impatto drammatico della pandemia di che COVID-19.

La riprogettazione dell’organizzazione proposta ridisegnerà la società in modo che sia nella posizione migliore per rispondere rapidamente alla crescita futura.

Le nuove proposte potrebbero comportare esuberi per 600 ruoli lavorativi in tutta l’azienda, che rappresenta circa il 24% dell’attuale numero di dipendenti.

L’azienda entrerà ora in un processo di consultazione formale con i dipendenti.

Ad agosto, di solito uno dei mesi più trafficati dell’aeroporto, il numero di passeggeri è diminuito di oltre l’80% rispetto al numero di passeggeri dello stesso mese nel 2019.

Gatwick Airport ha intrapreso un’azione rapida per proteggere l’aeroporto a marzo per preservare il maggior numero di posti, riducendo i costi, gestendo i flussi di cassa in uscita e assicurandosi un prestito bancario di 300 milioni di sterline.

Gli attuali volumi di traffico e passeggeri sono tali che Gatwick è attualmente operativo solo dal suo terminal nord.

Rispetto a questo periodo dell’anno scorso, l’aeroporto funziona a circa il 20% della sua capacità e quindi ha ancora oltre il 75% del suo personale nel programma di mantenimento del lavoro del governo britannico, che dovrebbe concludersi ad ottobre.

Stewart Wingate AD di Gatwick ha dichiarato: “Se qualcuno ha dei dubbi sull’impatto devastante che COVID-19 ha avuto sull’industria dell’aviazione e dei viaggi, le notizie di oggi che abbiamo condiviso con il nostro staff, in merito alla perdita di posti di lavoro proposta, sono un duro promemoria. Siamo in trattative in corso con il governo per vedere quale sostegno specifico del settore può essere messo in atto per l’industria in questo momento, insieme a meccanismi che daranno ai nostri passeggeri maggiore certezza su dove e quando possono viaggiare in sicurezza all’estero. Questo sostegno non solo aiuterà Gatwick, ma l’economia regionale più ampia che fa affidamento sull’aeroporto.

“Voglio cogliere l’occasione per ringraziare tutto il nostro staff, coloro che hanno lavorato instancabilmente per mantenere Gatwick aperto durante la pandemia e coloro che hanno dovuto restare in congedo, per la loro tenacia, professionalità e spirito di squadra. Continueremo a fare tutto il possibile per preservare il maggior numero di posti di lavoro possibile.

“Gatwick si riprenderà da questa pandemia e usciremo dalla ristrutturazione che stiamo proponendo, un’organizzazione più in forma e più forte che è nella posizione migliore per offrire ai nostri passeggeri e alle nostre compagnie aeree un aeroporto moderno e innovativo, pronto per la crescita”.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi