Aeroporto di Trapani

Tre offerte per la continuità territoriale a Trapani

Tempo di lettura < 1 minuto

Sono state presentate tre offerte per le rotte messe in gara per la continuità territoriale con l’aeroporto di Trapani Birgi

Erano scaduti lo scorso 18 agosto i termini per la presentazione delle offerte per la gara, dal valore di 23 milioni di euro, bandita da Enac per l’assegnazione di 6 rotte in continuità territoriale, finanziate dal governo regionale e dal governo nazionale.

Dopo il via libera del ministero, sono tre i vettori ad aver presentato un offerta per tutte e le 6 rotte messe a bando, ovvero Napoli, Brindisi, Ancona, Perugia, Trieste, Parma.

La procedura di gara è in corso quindi non possono essere ancora divulgati i nomi delle compagnie aeree.

L’iter avviato potrà consentire di giungere ad un aggiudicazione in tempo per l’avvio dei collegamenti a far data dal primo novembre, giorno in cui entra in vigore per decreto del MIT, l’imposizione degli oneri di servizio pubblico.

Il commento del presidente di Airgest, Salvatore Ombra: “Dopo i 9,4 milioni messi in campo dalla legge 14 della Regione siciliana per la promozione del territorio, – afferma il presidente Salvatore Ombra, – adesso Airgest fa l’en plein anche con le somme assegnate da Stato e Regione per le rotte in continuità territoriale. È la felice conclusione del duro lavoro condotto con assessorato e il ministero. Trapani Birgi – ricorda Ombra – è l’unico aeroporto in Europa ad aver avuto assegnato un numero così alto di rotte, ben sei, che diventano sette con quella già esistente da e per Pantelleria. Auspichiamo di farle partire dal primo di novembre come stabilito”.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi